Vivere il lago di Garda diversamente, a Bardolino, tra acque termali ulivi e vigneti secondo la filosofia del buon vivere.

Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

Nascono sempre più alternative per chi con una fuga al lago non vuole solo fare vita lacustre, dividendosi tra ristoranti turistici e strutture fatiscenti, residuo degli anni: a Bardolino asseconda la filosofia del buon vivere – cibo relax e divertimento – l’AQUALUX Hotel SPA Suite&Terme, prima struttura fuori l’Alto Adige ad aver ottenuto la certificazione Clima Hotel. In sostanza, permette all’ospite di vivere un’esperienza unica di benessere nell’ambito di un eco-sistema.

“Perché AquaExperience?” viene subito da chiedersi.
All’ingresso una fontana a mo’ di cascata è solo il biglietto da visita. Ad accogliere il visitatore, poi, otto piscine, percorsi di acqua corrente, zone dedicata al nuoto, vasche indoor contraddistinte da forme particolari a cui si aggiungono anche a stazioni idro e aeromassaggio, vasche saline dedicate al relax.

Un piccolo grande parco acquatico dedicato agli adulti (ma aperto a tutti), circondato da un giardino lussureggiante e da un Pool-Bar dove si possono sorseggiare drink energetici e bevande ricche di vitamine. Missione dell’hotel infatti è focalizzarsi tanto sull’ambiente quanto sul cibo per trasportare gli ospiti nella dimensione locale più pura.

Dal bar al ristorante, chi alloggia qui viene condotto alla scoperta della qualità e dell’originalità dei piatti, portando nel menù ricette che esaltano i sapori e i profumi delle materie prime. Protagonisti: gli accostamenti a vini e oli locali sia per l’“Italian Taste” che per “EVO Bardolino”, a scelta della clientela.

Per rimanere a contatto con tutto ciò che è cultura locale, anche l’hotel è stato costruito con una struttura in legno: impegnata nella scelta dei materiali bio-compatibili, nell’impiego di energie rinnovabili e nell’utilizzo di software in grado di controllare il risparmio energetico idrico.

Ulteriore fiore all’occhiello qui infatti è lo spazio di 1000 mq per il benessere, con cabine dedicate ai trattamenti, idroterapia e fangoterapia, una Private SPA, saune, bagni a vapore, una fontana di ghiaccio, un calidarium e un solarium. Tutto nel piano inferiore. Un vero e proprio tempio del benessere dove la luce naturale filtra delicatamente e dove è concesso solo prendersi cura di sé. Tra i rituali proposti dalla struttura, infatti, troviamo un “AquaSpa Break Ritual” alle essenze agrumate del limone del Garda ed arancia con proprietà antiossidanti o massaggi di coppia come il Diamond Rose che mixa la Damask Rose alla polvere di diamante.

Per bendaggi, maschere, azioni viso e corpo, l’approccio è all’avanguardia, grazie a sostanze e principi attivi naturali, come polvere di ferro, miele cristallizzato combinato alla vitamina C, fiori secchi e grano saraceno: vengono utilizzati per comporre sacchetti e utilizzati a contatto con la pelle. Tra la medicina estetica non invasiva troviamo inoltre il Cryo Repairing Lifting, un lifting freddo che combinando massaggi e principi attivi promette migliore tonicità e l’elasticità della pelle.

Qui anche qualche giorno soltanto basta per una remise en forme.

Stampa