Al Palazzo del Monte di Pietà, dal 18 novembre al 18 marzo, la Fondazione Cariparo presenta “Rivoluzione Galileo”, mostra dedicata alla figura del grande scienziato

Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

Galileo Galilei, personaggio chiave della storia della cultura occidentale, torna a Padova, dal 18 novembre al 18 marzo, in una mostra che lo vede protagonista in tutte le sue molteplici sfaccettature.

Galileo, oltre che scienziato, fu artista, letterato, musicista, imprenditore, viticoltore. Giovanni Carlo Federico Villa ne illustra i diversi aspetti attraverso una raccolta dei suoi splendidi acquerelli e schizzi e di opere di vari artisti dedicate e influenzate dalla sua importante figura. Sette secoli di arte che si intrecciano con le innovazioni scientifiche e tecnologiche ispirate dal suo genio inconfondibile.

Un numero impressionante di opere d’arte saranno, quindi, riunite al Palazzo del Monte di Pietà per celebrare l’autore del “Siderus Nuncius”, il trattato sulla luna pubblicato nel 1610 che ebbe un effetto immediato in Italia e in Europa. Una notevole sezione della mostra è proprio sviluppata attorno al tema della scoperta della luna e degli effetti che ha avuto dal ‘600 fino ai giorni nostri. Ne è un esempio Fuga in Egitto di Adam Elsheimer, in cui compare la prima raffigurazione della Via Lattea.

Saranno poi presenti artisti del calibro di Brueghel e Govaerts, che testimoniano con le loro opere l’impatto delle invenzioni di Galileo nel primo seicento. Si potrà ammirare, anche, il dipinto del Guercino sul mito di Endimione, in cui fa capolino una delle prime raffigurazioni del cannocchiale. Verrà introdotto il cambiamento che il genere della natura morta ha subito grazie all’influenza delle scoperte di Galileo in ambito delle scienze naturali: la raffigurazione si trasforma e passa dall’essere simbolica a documentaristica.

Oltre a questi nomi si potranno visionare le tele della cosiddetta “bottega galileiana”, un’intera generazione di artisti che sono stati suggestionati dallo scienziato pisano.
Un ampio spazio verrà dedicato all’arte contemporanea con Previati e Balla. L’opera di apertura della mostra è di Anish Kapoor, sculture e architetto britannico dei giorni nostri.

La mostra sarà affiancata da una serie di iniziative, incontri e approfondimenti organizzati dall’Università degli studi di Padova, voluti dal Rettore, prof. Rosario Rizzuto. Un’occasione da non perdere per conoscere ogni aspetto di uno dei personaggi che ha cambiato il corso della storia.

Info

Palazzo del Monte di Pietà
Piazza Duomo, 14 – sede della Fondazione Cariparo, Padova
18 novembre 2017 – 18 marzo 2018
Feriali 9 – 19, Sabato e Festivi 9 – 20
Biglietto intero: 12 €
Prenotazioni: tel 0425 460093
info@palazzoroverella.com
www.mostragalileoelearti.it

Stampa