Le città tunisine di Douz e Tozeur salutano il nuovo anno con due Festival culturali assolutamente da non perdere.

Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

Sono già moltissimi i visitatori da tutto il mondo ad essersi riservati una visita al prossimo Festival Internazionale del Sahara e a quello delle Oasi di Tozeur, due appuntamenti imperdibili con l’arte e la cultura locali.

 

Il Festival Internazionale del Sahara

Il primo si terrà dal 13 al 16 gennaio 2017 a Douz, la famosa “porta del deserto” che per questi quattro giorni sarà invasa dalle numerosissime tribù nomadi del deserto: qui, per il 49° Festival internazionale del Sahara, si confronteranno in spettacolari manifestazioni della propria identità culturale.

Uomini e donne del deserto giungeranno a Douz da diversi paesi africani e arabi, con i loro animali e le loro tende (douar), e animeranno le strade e il souk della città con rappresentazioni della loro vita sahariana quotidiana; a questo si aggiungono delle mostre allestite in vari punti di Douz in cui è possibile scoprire le arti popolari, le piante medicinali, le varietà di datteri e le bellissime creazioni artigianali della regione tunisina.

 

Il Festival Internazionale delle Oasi

Dal 17 al 20 gennaio 2017, invece, si terrà a Tozeur la 38° edizione del Festival Internazionale delle Oasi: circondata dalle Oasi e dal fascino incontaminato della regione del Djerid, Tozeur è uno dei luoghi più suggestivi della Tunisia, ricco di storia e poesia.

In occasione di questo festival, le sue strade si riempiono di gruppi folcloristici, incantatori di rettili e colorate sfilate di carnevale, che al calar della notte si trasformeranno in mille luci in un’atmosfera unica. La festa e la musica termineranno con le prime luci dell’alba, il momento migliore per godere del magico panorama delle oasi di Tozeur.

 

L’autenticità e la tradizione di questi festival permettono di mantenere e diffondere le culture delle popolazioni nomadi del deserto sahariano, patrimonio imperdibile anche per tutto il resto del mondo.

 

Per info

tunisiaturismo.it

Stampa