La cittadina delle cento torri, ricca di arte, architettura e di tradizione culinaria e di prodotti gourmet, un insieme speciale

Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

Alba, centro principale delle Langhe in Piemonte, terra di vino, di prodotti alimentari d’eccellenza, fra tutti il tartufo. Questo rarissimo e pregiato fungo che in questa cittadina viene celebrato a dovere. Ma questo centro non è solo il paradiso dei gourmet e degli amanti del gusto, ma è anche un luogo da visitare grazie alle sue numerose torri di mattoni rossi, per cui è molto nota (città delle cento torri), per i palazzi barocchi e rinascimentali.

Le torri di Alba furono costruite dalla nobiltà nei secoli XIV e XV, sino a contarne un centinaio. Con il trascorrere del tempo molte sono andate distrutte ed altre sono state abbassate a livello dei tetti e altre incorporate in nuovi palazzi, solo tre svettano ancora e da piazza Duomo sono ben visibili.

Le Torri Sineo, Paruzza e Astesiano sono ben conservate e visitabili e transitare anche da piazza Savona è d’obbligo. Altri edifici interessanti sono le chiese come quella di San Domenico e di San Giuseppe, la chiesa della Maddalena ed il Santuario di Madonna della Moretta. Ma di gran pregio, anche per l’interno, è la Cattedrale di S. Lorenzo costruita probabilmente su un vecchio edificio romanico. Ed anche il campanile del 1200 è stato costruito inglobando quello originale. Piacevole è passeggiare per la Via Maestra, la strada principale della città, ricca di negozi e di botteghe dove poter acquistare tutte le prelibatezze che la zona offre, ricordatevi che è anche la città della… Nutella!

Ma la tradizione di Alba include Sua Maestà il Tartufo Bianco che qui viene celebrato con una fiera ad ottobre, una delle più antiche, iniziata alla fine degli anni 20. Andando sempre più evolvendosi ha poi allargato i tempi ed anche l’inserimento del Palio degli Asini, la Giostra delle Cento Torri, mostre e eventi culturali oltre che la sfilata e la vendita dei preziosi tuberi con un asta all’incanto ad ottobre. In ogni ristorante e trattoria è possibile gustare specialità con il tartufo bianco abbinato ad altri prodotti tipici, vino incluso come il Barolo ed il Barbaresco.

Stampa