Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

Le Isole Lofoten, con la loro rara bellezza, richiamano ogni anno migliaia di visitatori tra le acque del Mar di Norvegia, lì dove la natura è aspra e l’acqua limpida incontra le dure scogliere a picco sul mare, tipiche del paesaggio nordico.

Le raffiche di vento soffiano forte tra le isole dell’arcipelago delle Lofoten, in un ambiente selvaggio e genuino, in cui la vita è spesso dura ma tanto affascinante nella sua semplicità.
Un luogo che incanta e stupisce, in cui le tradizionali casette di legno rosso si stagliano nitide sul cielo blu di Norevgia, dando vita a un paesaggio da cartolina.

Quando andare alle Isole Lofoten

L’arcipelago è spettacolare in ogni stagione ma il periodo migliore per visitarlo è probabilmente quello che va dalla fine di aprile alle ultime settimane di agosto.
Nei mesi successivi, infatti, i visitatori diminuiscono e così molti negozi, ristoranti e musei chiudono, rendendo il soggiorno un pochino più complicato. D’altro canto, però, le stagioni meno affollate sono anche quelle in cui poter godere meglio della tranquillità e dei magici scorci norvegesi.
Una particolarità? Alle Lofoten si può ammirare il fenomeno del sole di mezzanotte. Ogni isola gode infatti di alcuni giorni di totale illuminazione, che variano a seconda della latitudine ma che, in genere, si concentrano dalla fine di maggio a metà luglio.

Come raggiungere le Isole Lofoten

Sebbene l’arcipelago sia collegato alla terraferma grazie a una serie di ponti, l’ipotesi più romantica è quella di raggiungere e visitare le Lofoten a bordo di una nave da crociera.
Sono tante le compagnie che vi transitano, per un viaggio indimenticabile tra i fiordi norvegesi.

Cosa vedere alle Isole Lofoten

Se si è in visita alle Lofoten, una giornata la merita sicuramente la “capitale” Svolvær, sormontata a nord dalle montagne.
Per ammirarla dall’alto, andate a Svolvaergeita, un picco biforcuto che domina tutta la zona, per una vista semplicemente sensazionale.
Da vedere anche il “Museo di Ricordi di Guerra” (Kirigamine-museum) e la Lofoten Temagalleri, dedicata specialmente alla pesca (di merluzzo, balena e stoccafisso…), l’attività principale della zona.
Molto caratteristici sono anche il villaggio di Reine e il pittoresco paese dei pescatori di Henningsvaer.
Non perdetevi poi, presso Lofotr e Borge, la ricostruzione di un villaggio e di una nave vichinga.
Il posto più affascinante è infine lo strettissimo fiordo di Nusfjord, ammirabile da Å i Lofoten – il punto più occidentale dell’arcipelago –  in tutto il suo splendore.

Stampa