Acqua e fuoco, ghiaccio eterno e vulcani, la terra d’Islanda è un luogo dove rega la natura e l’uomo può solo ammirarla e rispettarla

Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

L’Islanda è una terra unica, dalla conformazione geologica estremamente particolare e variegata: ghiacciai eterni, i vulcani ancora in attività, le cascate spettacolari, i geyser bollenti. Tutto è legato al ciclo della natura e l’uomo è semplicemente spettatore di quanto accade. Tra strade abituali e piste sterrate, alla scoperta dei luoghi principali di questa terra definita remota o la terra del ghiaccio ma che ritorna una immagine completamente diversa ogni volta che la si visita.

1° giorno
Arrivo a Reykjavik ed incontro con l’accompagnatore

2° giorno
Visita al circolo d’oro dell’Islanda, ovvero un percorso dove si attraversa il Parco Nazionale di Pingvellir, si ammirano le famose cascate di Gullfoss e i suoi arcobaleni e il Geysir nella valle di Haukadalur, il più antico geyser noto ed anche il più grande.

3° giorno
Su percorsi sterrati, si prosegue per Kjölur dove si incontrano le pozze sulfuree di Hveravellir. Si prosegue poi per raggiungere il fiordo di Skagafjörour.

4° giorno
Il viaggio prosegue ad ammirare uno dei laghi vulcanici naturali, (il vulcano è ancora attivo) e si possono vedere le fumarole naturali e tutte delle splendide conformazioni laviche createsi nel corso dei secoli con l’attività di eruzione.

5° giorno
Visita alla imponente cascata di Dettifoss dove l’acqua genera giochi di luce ed arcobaleni bellissimi. Si raggiunge poi Askja e il suo lago attraversando però scenari lunari e quasi irreali.

6° giorno
Arrivo e visita di Eglisstaoir, tra le più grandi città dell’Islanda ma con solo 70 anni di storia alle spalle. E’ oggi però un centro molto attivo e giovane con tanto fermento.

7° giorno
Si ritorna sulla costa verso sud, attraversando splendidi villaggi di pescatori sino ad arrivare alla laguna ghiacciata di Jökulsàrlòn e le montagne di Landmannalaugar.

8° giorno
Dai colori della natura delle montagne si ritorna al nero e grigio delle zone vulcaniche che nascondono però spettacolari cascate che colorano l’ambiente.

9° giorno
Rientro a  Reykjavik e ritorno alle destinazioni d’origine

Per ulteriori informazioni | www.kel12.com

Disponibili altre partenze

Stampa