Un’isola dove il mare è sovrano ma anche dove poter trovare angoli speciali, ricchi di storia e di cultura. Da apprezzare a 360°.

Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

L’isola di Pantelleria è un piccolo fazzoletto di terra che geograficamente risulta più vicino all’Africa (al territorio tunisino) che alla Sicilia a cui appartiene come competenza territoriale.

In provincia di Trapani, questo territorio ha caratteristiche vulcaniche per la sua conformazione mentre per quanto riguarda cultura e storia è un intreccio di vicissitudini diverse causate dalla sua posizione. Dopo esservi goduti le spiagge, scoprite questo territorio magnifico per delle vacanze non solo di mare perché è anche possibile ammirare tesori di pregio.

Ecco cosa vedere e fare durante un vostro soggiorno a Pantelleria.

Aree e luoghi naturalistici

In questa isola vi è una riserva naturale per la tutela del territorio e della biodiversità collocata a nord del territorio. Oltre a tutto il patrimonio di piante ed arbusti (corbezzolo, mirto e alti) vi è anche la presenza di diversi tipi di uccelli anche di origine africana, di alcuni rettili ed anche dell’asino di Pantelleria che è però ormai in via di estinzione.

L’Arco dell’Elefante è invece uno dei simboli dell’isola, una conformazione rocciosa che ricorda la forma dell’animale immersa in acque splendide.

La Balata dei Turchi è un’area a sud del territorio creata da un’eruzione lavica che ha formato un’insenatura ed una lastra di roccia, qui venivano a rifugiarsi i pirati e i corsari.

Il Laghetto delle Ondine è una delle migliori mete per il riposo ed il relax a nord dell’isola. Una conca che è divenuta una piscina naturale di acqua salata con un panorama molto affascinante.

Similarmente vi è anche lo Specchio di Venere, un bacino dove però le acque sono ricche di principi attivi e la creazione di fango permette una cura di bellezza per la pelle grazie alla soda ed allo zolfo presenti.

Infine ma non ultima, nella zona meridionale della Montagna Grande vi sono le Favare, una zona con vapori che escono direttamente dalle rocce.

Storia e cultura

Vista la sua antica storia, numerosi sono i reperti che si possono trovare a Pantelleria, dal sito archeologico dell’età del Bronzo a Mursìa e Cimillia ma anche i resti dell’antica città di Cossyra.

Nonostante i bombardamenti della II Guerra Mondiale è da vedere il Castello del Barbacane, un edificio rinascimentale con una corte interna ed una torre quadrata oggi attaccata al maniero. Molte poi sono le chiese e chiesette sparse sul territorio tutte molto graziose: nel Santuario della Margana si trova un ammirevole crocifisso ligneo ed un’icona di stile bizantino più volte ridipinta. Per chi ama l’architettura moderna e militare, l’hangar sotterraneo di Nervi è un bellissimo esempio ancora oggi usato per presidi militari.

Stampa