Cosa vedere a Samarcanda: città cosmopolita e centro culturale e artistico tra i più antichi del mondo, inserito tra i siti patrimonio dell’Unesco

Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

Samarcanda, terza città dell’Uzbekistan per dimensioni, si estende nell’area sud-occidentale del Paese, quella che un tempo rappresentava uno dei punti cruciali della Via della Seta, che univa l’Europa all’Asia.
Una metropoli estremamente affascinante, ricca e interessante che si inserisce addirittura tra le città più antiche del mondo.

Fondata nel 700 a.C, Samarcanda ha sviluppato la sua ricchezza nei secoli grazie alla sua posizione geografica che l’ha vista essere zona di passaggio di ricchi mercanti e di un fitto traffico di tessuti, spezie e materiali preziosi.
Attualmente la città mantiene vivo il suo carattere cosmopolita, eredità dei vari domini ed imperi che si sono susseguiti nel tempo, nonché quel fascino intramontabile di centro culturale e artistico più unico che raro.

Cosa vedere a Samarcanda

Le principali attrazioni di Samarcanda, oggi, risalgono al periodo di regno del condottiero turco-mongolo Tamerlano, di suo nipote Ulughbek e degli Shaybanidi uzbeki dal XIV al XV secolo.
Il complesso più interessante della città è il celebre Registan, lì dove maestose madrase si uniscono in un insieme di mosaici, mattoncini azzurri e maioliche. Tre corpi centrali, databili in periodi diversi, entrati a far parte, nel 2001, del Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Un’altra meraviglia architettonica di Samarcanda è l’enorme moschea di Bibi-Khanim, parzialmente distrutta dal terremoto del 1897 nonché la Shani-Zinda, una curiosa strada su cui si affacciano numerose tombe, rivestite da maioliche e raffinati dettagli.
Imperdibile è infine il bazar cittadino che si estende tutt’attorno alla moschea.
Esso gode di un’atmosfera magica, dove colori, profumi e sapori riportano il visitatore indietro nel tempo, in un viaggio a ritroso nelle antiche tradizioni e nella lunga e travagliata storia di Samarcanda.

Il clima

Il clima della regione è di tipo continentale-arido, caratterizzato da inverni molto freddi ed estati caldissime. Le precipitazioni sono sempre scarse mentre capitano spesso tempeste di polvere, specialmente in primavera e durante i mesi estivi.
I periodi migliori per visitare la città sono dunque quelli delle “mezze stagioni”.

Come raggiungere Samarcanda

Samarcanda è munita di un aeroporto, che la collega ad alcune  città russe e alla capitale dell’Uzbekistan. La si può raggiungere dunque arrivando all’aeroporto di Tashkent e da qui prendere un aereo con Uzbekistan Airways o, in alternativa, optare per l’autobus o il treno, che in circa 5 ore di tragitto porta in città.

Stampa