Hotel Villa del Quar, 5* di lusso a Verona

Stampa

Un’elegante dimora patrizia veneta è stata trasformata in un hotel prestigioso, situato tra le colline e i vigneti della Valpolicella.

Villa del Quar è un presigioso hotel situato a poca distanza da Verona, tra le morbide colline e i vigneti della Valpolicella. In quella che fu un tempo un’elegante dimora patrizia veneta, dove il tempo sembra essersi fermato agli anni che vanno dal 1790 al 1810, si trova oggi un hotel con 28 tra camere e suite.

I proprietari Maria Evelina Acampora e Leopoldo Montresor coltivano da sempre una grande passione per gli arredi antichi e per le Ville Venete e hanno scoperto il piacere dell’ospitalità e della buona cucina, ottenendo importanti riconoscimenti dalle Guide internazionali.

Tra le camere più nuove e suggestive figura la Suite dell’Uva, composta da un salotto con comò del ‘600 e da una stanza da letto. Una mantovana di legno dorato dell‘800, chiamata in veneziano “bona-grazia”, serve da testiera al grande letto, da cui, stando comodamente sdraiati, si possono ammirare – attraverso il lucernario – la luna e le stelle. Gli stessi preziosi tessuti di damasco a fiori delicati gialli e rossi su fondo beige sono stati usati per le tende e per rivestire il salotto, in cui si trova una scrivania Impero. Il bagno padronale con vasca e cabina doccia è decorato con un tabernacolo settecentesco. Si accede al secondo bagno con doccia tramite una piccola scala con finestrelle che danno sulla campagna circostante.

Prestigiosa anche la nuova Suite della Piscina caratterizzata da grandi vetrate con vista sulla piscina esterna, sul parco della Villa e i suoi vigneti. E’ composta da un soggiorno, da una camera da letto e da due bagni con cornici degli specchi  in mosaico e Lapislazzuli blu. Le porte sono originali Luigi XVI, le lampade provengono dalla vetreria Cà Rezzonico di Murano su disegno dello scultore Cenedese. La camera da letto è arredata con un letto matrimoniale king size, sovrastato da una cornice genovese dorata Luigi XVI, e da uno scrittoio, sempre stile Luigi XVI ma di provenienza veronese. I tendaggi e le tappezzerie sono realizzati con tessuti preziosi a motivo floreale. Il marmo verde Ming nei due bagni riprende il colore dei prati, li stessi che si possono ammirare ponendo lo sguardo sulle romantiche colline della Valpolicella.

 

Stampa