Stampa

Il celebre brand di gin organizza un’asta di beneficenza in cui verranno battuti 19 esclusivi bicchieri da martini cocktail firmati dai più innovativi designer del mondo

Bombay Sapphire propone un’asta a scopo benefico che si terrà l’11 maggio 2010 alla coffee house di Palazzo Colonna a Roma.
Sarà Sotheby’s, la casa d’aste internazionale, a battere l’asta che si rivolgerà agli appassionati di design e di works of art per raccogliere fondi a favore della ricerca contro il cancro e a seguire si terrà un cocktail firmato Bombay Sapphire servito sull’incantevole terrazza che domina i giardini della residenza dei Principi Colonna.
Il pezzo forte dell’asta sarà ‘Chalice’, il bicchiere da martini cocktail realizzato dal designer australiano Peter Crisp, il primo realizzato fondendo pietre preziose e vetro. Per l’esattezza, il calice è incastonato da 226 zaffiri blu che lo rendono un pezzo unico da collezione stimato 23.000 dollari.

Bombay Sapphire gin, dall’inconfondibile bottiglia color zaffiro, luminosa e trasparente, supporta attivamente il design in tutto il mondo da oltre vent’anni. Il suo legame con il design inizia negli anni Novanta, quando famosi designer internazionali crearono straordinari bicchieri da martini cocktail ispirati da Bombay Sapphire.
Dal 1992 sono stati realizzati ben 22 bicchieri da alcuni tra i designer più noti al mondo come Karim Rashid, Tom Dixon e Eva Zeisel. Tutti questi bicchieri sono stati utilizzati per la campagna stampa internazionale ed esposti durante eventi di design in tutto il mondo.
Dieci di questi bicchieri, prodotti in edizione limitata, saranno messi all’asta, tra questi le due versioni di ‘Chalice’ di Peter Crisp e le bellissime creazioni di Tom Dixon, Karim Rashid, Marcel Wanders, Eva Zeisel, Ulla Darni, Dakota Jackson, Michael Graves e Stephen Dweck.

Il ricavato dell’asta verrà devoluto alla lotta contro il cancro, nello specifico verrà donato in beneficenza a due associazioni: l’italiana AIRC – Comitato Lazio e l’australiana Cure For Life Foundation.

Stampa