Cosa fare e cosa vedere a Procida, l’isola de “Il Postino”

Stampa

Insieme alle iper turistiche Ischia e Capri, Procida è un’isola piccola e poco frequentata, scelta da Massimo Troisi per alcune scene del celebre film “Il Postino”.
Un gioiellino fra le acque del Golfo di Napoli, una chicca da visitare in punta di piedi, per godere al massimo della sua magica atmosfera, unica e inimitabile.

Mentre ci si avvicina via mare al porto di Marina Grande, la prima cosa che salta all’occhio della bella isola di  Procida è l’insieme arcobaleno delle sue casette, così caratteristiche e pittoresche.
Un fascino semplice e senza tempo, fatto di mare limpido, pescatori, barche, alberi di limoni e borghi di incredibile autenticità.
Da non dimenticare anche le spiagge, di sabbia vulcanica e grossolana oppure fine e morbida come borotalco, per trascorrere lunghe giornate al sole, fra bagni e tintarella.

Per un viaggio appagante, ricco e indimenticabile, ecco le 5 cosa da fare e vedere a Procida:

  1. Passeggiare per le strade di Marina della Corricella
    Marina della Corricella è il borgo marinaro più antico di Procida e, come una bomboniera che si affaccia sul mare, è oggi un’area completamente pedonale, da vedere assolutamente se ci si trova sull’isola.
    La particolarità delle sue case coloratissime sono i tipici “Vefi”, balconi coperti da archi di origine araba, che ne arricchiscono l’architettura.
  2. Partecipare ad un’ escursione in barca attorno all’isola
    Un giro di Procida in barca è probabilmente il modo migliore per scoprire l’isola da una prospettiva diversa.
    Un’escursione che permette di scoprire grotte, calette e anfratti che si vedono soltanto dal mare, per una giornata diversa sotto il caldo sole della Campania.
  3. Scoprire le spiagge più autentiche
    Tante sono le spiagge e le baie di Procida che meritano di essere vissute.
    A ovest si trova una striscia di sabbia scura che di cui fanno parte le spiagge di Ciraccio e della Chiaiolella: baie con fondali limpidissimi,  che offrono sia zone libere che lidi privati. Sempre in questa zona, si affaccia la famosa spiaggia del Pozzo Vecchio mentre, a est, merita una visita la spiaggia della Chiaia, proprio davanti a Ischia.
  4. Inoltrarsi oltre le mura di Terra  Murata
    Terra Murata, con l’imponente Palazzo D’Avalos, è il nucleo storico di Procida e si trova al centro dell’isola.
    Situato a 90 metri sul livello del mare, è circondato da mura erette nel ‘500, costruite per proteggere la popolazione dagli attacchi.
    Terra Murata si raggiunge a piedi o in bus e merita una visita per l’Abbazia di san Michele Arcangelo, patrono di Procida,  e per il Palazzo D’Avalos.
  5. Assaggiare le celebri “Lingue di Suocera”
    La cucina isolana è semplicemente squisita!
    Per gli amanti dei dessert, da provare assolutamente le “Lingue di Suocera”, un dolce fatto di deliziosi strati di pasta sfoglia farciti con crema ai limoni di Procida, ottimi e profumatissimi.

 

Stampa