Trieste, la città del vento, una porta su due penisole

Stampa

E’ una città di confine, è anche un porto e questa sua posizione caratteristica oltre alla sua storia di territorio di scambio, l’ha resa un luogo dalle diverse caratteristiche architettoniche

Trieste, città di confine, un luogo che vive e respira l’Italia ma anche la Slovenia. Posizionata tra la penisola italiana e la penisola istriana è una di quelle “porte” di confine che racchiude in se diverse particolarità. E’ poi una città portuale ed anche questo arrivo e partenze di gente da tutto il mondo ne ha creato un luogo curioso ed interessante. Ecco le cose da non perdere in una visita alla città della Bora, il vento che in alcuni periodi spazza la città a forte velocità.

Il Faro della Vittoria
A custodia del golfo, questo faro è un monumento commemorativo ai caduti della I Guerra Mondiale e rischiara parte della città. In pietra bianca ha la sua sommità in bronzo e cristallo per l’illuminazione ed in cima una statua bronzea della Vittoria alata. A completare il decoro, alla base la scultura di un marinaio.

La Cattedrale di San Giusto
Sorta sui resti di una basilica paleocristiana a tre navate, ha il pavimento a mosaico incorporatin quello dell’attuale costruzione. Rimaneggiata, distrutta e ricostruita in due parti è oggi una sola struttura impreziosita da uno splendido rosone gotico.

La Basilica di San Silvestro
Oggi di culto  della Comunità Evangelica Riformata è molto graziosa e antica in stile romanico. La leggenda narra che è costruita sulla casa natale delle martiri Tecla ed Eufemia, anche se non provato, questa chiesa rimane un luogo di particolare pregio e dichiarata monumento nazionale.

Il Castello di Duino 
Questo maniero è ancora oggi dimora privata ma visitabile. Prima fu dei principi  Thurm und Taxis e oggi dei Torre Tasso che continuano a mantenere la tradizione di un luogo estremamente accogliente posizionato su di uno sperone di roccia a dominare il golfo con terrazze e un giardino splendido. Di origine romanica, ha visto transitare nelle sue stanze oltre a nobili, re e principi anche moltissimi uomini di cultura e arte sino ai giorni nostri.

Il Castello di Miramare
Bellissimo palazzo edificato durante il dominio degli Asburgo è oggi un museo e anche i giardini ed il parco attorno sono meta sia dei turisti che dei triestini ne fine settimana. Purtroppo in questa dimora aleggia una maledizione, che chi vive nelle sue stanze avrà una morte violenta.

Il Castello di San Giusto
Poco distante dalla Cattedrale omonima vi è questo imponente maniero, molto caratteristico che permette dalle mura e dai bastioni di godere di una vista sulla città imperdibile. E’ oggi sede museale e di esposizioni.

Il Palazzo del Governo e Piazza dell’Unità d’Italia
Un palazzo bellissimo che si affaccia su questa ampia piazza. Il palazzo è caratterizzato da una graziosa balconata e da mosaici in vetro di Murano e l’alto porticato. Costruito su progetto di un architetto austriaco nei primi anni del ‘900, all’epoca si affacciava su un giardino che occupava metà della piazza, oggi l’insieme di questo luogo dona respiro e internazionalità a tutto l’insieme.

Stampa