Viaggio alle Isole Faroe, l’incontaminato arcipelago danese

Stampa

Ad una latitudine di  62° 00′ N, tra le acque dell’Atlantico del Nord, si trovano le Isole Faroe, un arcipelago di 18 isole politicamente appartenente alla Danimarca.
Una meta insolita, ancora autentica e incontaminata, da vivere e scegliere per un viaggio assolutamente unico e indimenticabile.

Situate più o meno a metà tra la Norvegia e l’Islanda, le Faroe sono un luogo magico, lì dove la Corrente del Golfo riesce ancora ad apportare i suoi benefici, mitigando il clima e rendendo le temperature meno rigide.
Si tratta di un territorio estremamente affascinante, abitato appena da 55 mila persone. Le attività principali sono tutte legate alla pesca e all’allevamento ittico ed è infatti qui che è possibile mangiare i salmoni più buoni d’Europa.

Il clima alle Faroe

Alle Faroe il clima è di tipo marittimo subpolare, decisamente molto variabile.
Le temperature oscillano durante l’anno tra i 3° e gli 11°, le precipitazioni nevoso sono di breve durata e il periodo migliore per visitarle rimane quello estivo.

Come raggiungere le Faroe

Il modo migliore per raggiungere le isole Faroe è in aereo, con voli diretti da Danimarca, Islanda e Regno Unito.
Tuttavia, è possibile arrivarci anche via mare con traghetti che partono dalle coste di Danimarca, Isole Shetland e Norvegia.

Cosa fare e cosa vedere alle Faroe

Le Faroe sono un paradiso per gli appassionati di bird watching (in particolare nell’isola di Mykines), delle gite nella natura e delle attività all’aria aperta.
Il modo migliore per visitarle è muovendosi liberamente con un auto a noleggio, affidandosi poi ad agenzie specializzare per le escursioni in mare.

Alle isole Faroe sono state identificate ben 300 specie di uccelli, tra cui le più famose sono sicuramente le pulcinelle di mare, con la loro particolare colorazione tutta da fotografare.
Per quanto riguarda i percorsi e le passeggiate, da non perdere le alte e affascinanti scogliere di Djupini, l’area di Akraberg, con il celebre faro sulla punta meridionali e l’isola di Stóra Dímun,  popolata da una sola e unica famiglia.
Meritano una capatina anche il bellissimo lago di Leitisvatn/Sørvágsvatn e le magiche cascate di Bøsdalafossur.
Infine, la città di Torshavn è la più piccola capitale del mondo ma i servizi non mancano affatto, con ottimi hotel e ristoranti nonché una vivace e ricca offerta culturale.
Molto interessante è la parte vecchia, Reyni, coloratissima e con tante casette realizzate in legno, con i loro particolari tetti d’erba, che rendono il quartiere decisamente pittoresco.

Stampa