fbpx

Boni homini. Sulle tracce dei Catari e di Maria Maddalena, il nuovo libro di Claudia Farina

Stampa

Boni homini. Sulle tracce dei Catari e di Maria Maddalena – di Claudia Farina, edito da Cierre Grafica – è il secondo volume di una trilogia dedicata al catarismo.

Ispirata dalle vicende dei Catari, detti Boni homini, avvenute in Francia, sul lago di Garda e a Verona, Claudia Farina ha ampliato la ricerca nel nord Italia su fatti, personaggi, incontri, scontri ambientati nel XIII secolo sul Garda, a Verona, Vicenza, Concorezzo (Monza-Brianza), Bagnolo San Vito (Mantova), sedi di chiese catare nel Medioevo. Gli stessi luoghi sono stati rivisitati nel 2020 con la sensibilità e la visione di oggi in un itinerario spirituale, culturale ed artistico. Maria Maddalena è vista con l’immaginazione – supportata da ritrovamenti archeologici, Vangeli canonici e gnostici, tradizioni locali – nella città natale di Magdala, fino al suo romitorio francese di Sainte Baume. La grotta e la basilica a lei dedicata a Saint Maximin-Le Sainte Baume nel dipartimento del Var, sono luoghi sorprendenti, mete di pellegrini da otto secoli. Immagini della Maddalena si trovano negli stessi luoghi dove vissero i Catari; la memoria dell’Apostola è conservata in numerosissime opere d’arte e la si distingue per tratti peculiari solo a lei attribuiti, che l’autrice indica per individuarla.

In quarta di copertina è riprodotto il quadro di Monica Piona, che “interpreta” Maria Maddalena, l’Arena e la croce occitana.

Scrivere di Catari e Maddalena è un viaggio nei secoli I° XII° e XIII°, dove il tempo si è addensato e rallentato. E’ stata come una katabasis, una discesa nel mondo di sotto, nell’oscurità di una storia occultata per portarla in superficie, captando luci e ombre” dice l’autrice. 

Boni homini. Sulle tracce dei Catari e di Maria Maddalena” è il secondo volume di una trilogia dedicata al catarismo, il più ampio ed importante movimento cristiano non ortodosso del Medioevo, esteso dalla Bulgaria alla Spagna, dalla metà del XII secolo, finito in Francia nel 1244 con il rogo di Montsegur e in Italia con il rogo nell’ Arena di Verona di circa 200 Patarini il 13 febbraio 1278.
Se il libro precedente “Catari sul Garda. Maddalena l’apostola e il vescovo donna” è focalizzato su vicende cruciali ambientate a Desenzano del Garda, Sirmione e Verona, con personaggi storici del tempo e visioni vissute da personaggi in grado di rivivere e narrare oggi quei fatti, anche Boni Homini si svolge su diversi piani temporali. 

La narrazione abbraccia un arco temporale di 2020 anni; spazia dalla Palestina alla Gallia del I secolo (Maria Maddalena, la sua città di Magdala e l’incontro speciale con l’egizia Sarah e Gesù, il suo arrivo in Provenza e la permanenza per trent’anni nella Sacra Grotta), fino alle vicende cruciali del 1200 in Francia del sud e nell’Italia del nord. Attraverso dialoghi e dispute immaginate ma verosimili tra donne e uomini Catari avverso inquisitori e vescovi cattolici, si dipanano le contrapposizioni teologiche e le vicende di quei tempi. Con la mente folgorata da rivelazioni e scoperte, l’autrice ha visitato gli stessi luoghi nel 2020: la Francia del sud, l’Isola del Garda, l’Arena e altri luoghi di Verona, la chiesa di Sant’Eugenio a Concorezzo che fu sede dell’Inquisizione, la chiesa di Santa Corona a Vicenza, edificata al posto della chiesa catara, fino a Bagnolo San Vito, vicino a Mantova. 

Maria Maddalena c’entra con i Catari per un parallelismo di vissuti ed eventi storici. E’ la discepola prediletta da Gesù che diventa Apostola degli Apostoli, colei che diffonde i messaggi autentici del cristianesimo primitivo, a cui s’ispira la dottrina catara. Dopo la morte di Cristo, sparisce dai testi che saranno scelti e dichiarati canonici nei secoli successivi, ma non la dimenticano teologi, scrittori e artisti perché lei era ai piedi della croce, a lei si rivelò il Risorto, lei annunciò agli apostoli la resurrezione, ma non le credettero. Nessun discepolo ebbe maggiore importanza nella vita del Nazareno: avrebbe meritato di essere lei la fondatrice della nuova chiesa! Presso i Catari, al contrario, le donne potevano diventare anche vescove e somministrare il Consolamentum – il battesimo spirituale – unico sacramento cataro che introduce il ritorno a Dio; è noto il ruolo delle donne nella chiesa valdese, e in certi luoghi i termini valdesi e catari si sono sovrapposti, come nell’enclave occitana tuttora esistente in Calabria. Ma questo sarà un capitolo del terzo libro della trilogia.

Scheda editoriale

formato: 15×21 cm
pagine: 224
rilegatura: brossura cucita
isbn: 978-88-32102-35-2
prezzo € 14,00 ebook € 8,00
soggetto: storia, arte, religione
genere: narrativa
parole chiave: Catari, Maria Maddalena, apostola, Magdala

Claudia Farina è giornalista e scrittrice, vive tra Verona e il lago di Garda. Specializzata in stampa turistica, è direttrice della rivista Gardamore. Ha scritto articoli e libri inerenti il lago di Garda, l’Africa, il Medio Oriente e altri Paesi. Pubblica reportage in www.viaggivacanze.info dove degusta le parole del vino nella rubrica “Cantine e vigneti”. Autrice del romanzo Sull’onda. Intrecci d’amore e di viaggio. Per Cierre Grafica ha scritto Catari sul Garda. Maddalena l’apostola e il vescovo donna; La svolta nei racconti di dieci donne.

 

Stampa