Stampa

Ben due magnifici percorsi da campionato a due passi dal Barocco Siciliano e dal mare, tra alta gastronomia e trattamenti Spa

La Sicilia, terra di sole, tradizioni e sapori, conquista gli appassionati di golf. Il suo clima la rende una destinazione ideale per giocare tutto l’anno e il suo straordinario patrimonio artistico riempie di emozione i momenti di relax. L’anno scorso l’amore per il golf ha portato in Italia 3,9 milioni di turisti ad alta capacità di spesa, ma la potenzialità di questo segmento è formidabile e riesce a destagionalizzare l’offerta di territori a vocazione turistica. È su questo che ha fortemente creduto e investito il Donnafugata Golf Resort & Spa, cinque stelle lusso inaugurato a luglio 2010 alle porte di Ragusa, con due campi da campionato “firmati”, immersi in uno splendido paesaggio naturale nel cuore del Barocco Siciliano, a due passi dal mare.

Pacchetti golf proposti dal Donnafugata Golf Resort & Spa
Per gli appassionati di golf il Donnafugata ha messo a punto diversi pacchetti speciali a prezzi vantaggiosi. Ad esempio, il “4” Sicilia Golf Package, comprende 4 notti di soggiorno con prima colazione, 2 green fees inclusi, 2 cene (3 portate, bevande escluse), 1 light lunch alla 19th Hole Golf Club House, 1 accesso alla Spa, il tutto a partire da 450 euro a persona in camera doppia. Mentre il “7” Sicilia Golf Package include 7 notti di soggiorno con prima colazione, 5 green fees inclusi, 3 cene, 2 light lunch alla 19th Hole Golf Club House, 2 accessi alla Spa, tutto a partire da 860 euro.

Escursioni nella natura e nell’arte
Il Donnafugata Golf Resort & Spa, con la sua vasta offerta di servizi di alta qualità, è il luogo ideale per soggiorni che abbinano appassionanti partite di golf ad una vacanza nella natura e nell’arte. Si possono fare escursioni a cavallo o in jeep in luoghi di grande bellezza, volare in elicottero verso le isole Eolie o Pantelleria, oppure godersi lo splendido mare siciliano sulla spiaggia, in barca a vela o motoscafo. Il resort è anche punto di partenza per andare alla scoperta delle città di Ragusa, Modica, Noto e Scicli, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO e culla del Barocco Siciliano. Luoghi leggendari per un viaggio nella storia della Sicilia.

Un albergo di lusso dotato di tutto
Situato all’interno di un’area naturale protetta nell’ampia tenuta di Donnafugata, vicino alle meravigliose spiagge di Camarina, Punta Secca e Marina di Ragusa, il Donnafugata Golf Resort & Spa offre due bellissimi percorsi di 18 buche ciascuno, dove i più grandi campioni dell’European Tour si sono sfidati in occasione dello scorso Open di Sicilia. Avvolti dalla magica atmosfera della campagna ragusana, entrambi i campi sono perfettamente integrati nell’ambiente. Irrigati con acqua riciclata e habitat per numerosi animali, simboleggiano una riuscita simbiosi tra sport e natura. Il resort ospita anche un practice range da 70 postazioni con la Sotogrande Golf Academy dotata di sistemi video, putting green e pitching green, per chi vuole conoscere i segreti di questo sport e imparare ad eseguire swing da campioni, in ogni stagione dell’anno.

I campi da golf: due green da campionato

Il percorso Parkland, che si snoda tra ulivi e carrubi, è un Signature Course disegnato da Gary Player, giocatore leggendario e premiato progettista di fama mondiale, con oltre 200 campi realizzati nei cinque continenti. Par 72 e 6.666 mt., corre lungo la campagna ragusana offrendo scorci sorprendenti. Pochi gli ostacoli di sabbia lungo i fairway delimitati dagli alberi, insidiosi i green e ben difesi da bunker profondi. Un percorso da sogno, dove tra un colpo e l’altro è possibile ammirare una necropoli greca del VI° sec. a.C., incontrare animali ed uccelli che sostano nella zona umida tra la buca 2 e 3 e due laghi che fanno da cornice alle buche finali. La buca 9 e la 18 hanno invece i green adiacenti al resort e formano un anfiteatro naturale su cui si affacciano le suite, la Club House con la meravigliosa piscina esterna e la Spa. Il percorso Links, individuabile con un unico colpo d’occhio, si estende invece su due grandi valli, come un’unica tavolozza che esibisce tutte le sfumature dei colori siciliani. Par 72 per 6.650 mt. è stato disegnato da Franco Piras, progettista italiano noto anche nel panorama internazionale. I fairway sono intagliati in aree rinaturalizzate che li lambiscono e ne fanno risaltare le forme, con giochi di colori che cambiano seguendo il corso delle stagioni. Un imponente pino marittimo è l’unico albero del percorso, dove grandi bunker definiscono i fairway. I green sempre ben difesi risaltano tra la macchia mediterranea.

Stampa