Festa del papà: quando e perché si festeggiao Origine e storia della celebrazione

La festa più attesa dagli ‘uomini di famiglia’ è la festa del papà, ricorrenza che cade il 19 marzo in Italia, in concomitanza con la celebrazione religiosa di San Giuseppe.

Stampa

Il 19 marzo è il giorno della festa del papà. Quali origini ha questa festività? Perché la festeggiamo proprio durante questa giornata? Scopriamo qui la storia della festa più attesa dai genitori!
Il papà è sempre il papà e, specialmente per le figlie femmine, rappresenta una figura fondamentale nella propria vita e incarna per molto tempo la figura dell’ero all’interno di una famiglia. Proprio per questo va celebrato “come si deve”, ringraziandolo per quello che fa per noi e per quello che rappresenta nella nostra vita. 

Origini della festa del papà
La festa del papà nasce agli inizi del ventesimo secolo, diventando una festa complementare alla festa della mamma. Si celebra in varie date in tutto il mondo e rappresenta universalmente un’occasione unica per fare un dono al proprio genitore. 
La prima volta che questa giornata è stata celebrata risale al 5 luglio 1908 nella città di Fairmont in West Virginia, presso la chiesa metodista locale. La prima persona a sollecitare l’ufficializzazione della celebrazione fu la signora Sonora Smart Dodd che, senza sapere nulla dei festeggiamenti avvenuti a Fairmont, organizza la festa il 19 giugno 1910 a Spokane, Washington. La signora, fortemente devota al padre, voleva ringraziarlo nella giornata del suo compleanno per essere un papà ed un uomo così esemplare.

Festa del papà in Italia
La festa del papà in Italia, contrariamente agli Stati Uniti, si attiene alla celebrazione cattolica di San Giuseppe, padre terrestre di Gesù. Il santo, in quanto archetipo del padre e del marito devoto, nella tradizione popolare protegge anche gli orfani, le giovani nubili e i più sfortunati. In base a questo, in alcune zone della Sicilia, il 19 marzo è tradizione invitare i poveri a pranzo. In altre aree, invece, la celebrazione coincide con la festa di fine inverno: in tale occasione si compiono dei riti propiziatori, si brucia l'incolto sui campi da lavorare e sulle piazze si accendono falò da superare con un balzo.

L’augurio della Redazione
Vogliamo fare i nostri migliori auguri a tutti i papà d’Italia e del mondo, mandandovi un abbraccio forte e ringraziandovi per il ruolo fondamentale che avete nella nostra vita. Vi lasciamo ora, con questa citazione che noi troviamo poetica e rappresentativa della figura del padre…
“Mi comparvero allora tutti i padri del mondo quando, prendendo i bambini tra le braccia, li sollevano più in altro della propria testa e sussurrano: andrai più lontano di me." (Antonio Infantino) 

Grazie a tutti i papà di Veraclasse!

Fonte fotografica | Pinterest

Stampa