fbpx

Luisa Ranieri madrina della 71 Mostra del Cinema di Venezia

Stampa

Dopo il successo al cinema, ecco l’attrice napoletana investita del prestigioso ruolo di madrina del Festival.

Dal 27 agosto prossimo fino al 6 settembre si svolge presso il Lido di Venezia, la 71a Mostra del Cinema. La manifestazione è diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale di Venezia, grazie alla straordinaria supervisione di Paolo Baratta. Madrina di questa edizione è la splendida attrice Luisa Ranieri. L’attrice apre la manifestazione sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido) nella giornata del 27 agosto, in occasione della cerimonia di inaugurazione. Il 6 settembre, invece, la Ranieri, chiude il festival presentando la cerimonia di chiusura, in occasione della quale vengono proclamati i Leoni e gli altri premi ufficiali della settantunesima edizione della Mostra del Cinema.

La bellissima Luisa è conosciuta grazie al suo esordio nel 2001 con Leonardo Pieraccioni nel film “Il principe e il pirata”. Da lì un escalation di successi e di film. Nel 2004 è la protagonista indiscussa di “Eros”, nell’episodio “Il filo pericoloso delle cose”, diretto da Michelangelo Antonioni. Interpreta anche il ruolo di Maria Callas nella miniserie “Callas e Onassis”, diretta da Giorgio Capitani ed affianca Adriano Celentano nel programma tv-evento Rockpolitik. Nel 2007 è protagonista sul grande schermo con il film diretto da Vincenzo Salemme “Sms-Sotto mentite spoglie”. Partecipa l'anno successivo a due produzioni televisive: “O’ professore” di Maurizio Zaccaro e “Amiche mie” di Paolo Genovese e Luca Miniero. Nel 2010 partecipa  nel controverso “L’amore buio” di Antonio Capuano e l'anno dopo, sempre per Paolo Genovese, sarà protagonista dei film “Immaturi” (2011) e “Immaturi – Il viaggio” (2012). L'attrice ha ricoperto anche numerosi ruoli per produzioni americane e francesi tra cui: Letters to Juliet (2011) di Gary Winick, Le marquis (2011) di Dominique Ferrugia (2011) e Bienvenue à bord (2011) di Éric Lavaine. Tra le sue ultime partecipazioni: “Gli anni spezzati – Il commissario” di Graziano Diana e “Il giudice meschino” di Carlo Carlei. Luisa Ranieri ha dichiarato: “Voglio dire grazie al presidente Baratta e al direttore Barbera che hanno pensato a me come immagine del nostro cinema, mi hanno scelta per aprire e chiudere il festival più antico e prestigioso al mondo. Una grande responsabilità. Cercherò di esserne degna”.

Fonte fotografica | Pinterest

Stampa