Como, Chinnici e il trionfo dell’arte Made in Italy

A dal 09.07.2016 al 19.07.2016

Il mondo dell’arte si riunisce sul lago di Como per un evento unico nel suo genere. Avete mai sentito parlare di multi-arte?

Stampa

Un ricordo indelebile del Made in Italy. Questo l’obiettivo della “Mostra Fuoco sull’acqua”: fino al 19 luglio 2016, Lecco diventa capitale italiana dell’arte. Un evento eccezionale unico in Italia, che riunisce i migliori talenti internazionali provenienti dal mondo della cultura e dello spettacolo.

Si parte dai dipinti di Lorenzo Chinnici: egli con la sua ampia vena artistica che gli fa praticare qualunque tecnica, dall’acquarello al murales, dall’affresco al sasso, ha ricevuto il primo insegnamento da Renato Guttuso che conobbe nel 1953 a Barcellona Pozzo di Gotto in occasione di una esposizione. Il Maestro, colpito dall’attenzione ai dipinti di quel “picciriddu” si offrì di insegnargli a dipingere. Dopo un lungo sodalizio con un pittore compaesano, Salvatore La Rosa, ed essere stato notato e premiato da Salvatore Pugliatti, emerito giurista e Rettore dell’Università di Messina -noto estimatore delle arti – diventa Artista professionista. Disinteressato alla pittura commerciale, al facile successo, Lorenzo Chinnici afferma di dipingere per sè stesso, solo per elaborare e tirar fuori gli stati d’animo che si avvicendano in lui. Nello specifico per il “Fuoco nell’acqua” sono stati scelti i dipinti che parlano di quell’umanità opulenta. A darne precisi, sostanziali ritratti di realtà nella mostra le fotografie d’Arte di Nini Ferrara.

Per un percorso tematico completo, si unisce la creatività e la forza della stilista Ekaterina Budnikova che fa sfilare abiti ispirati alle opere. Ma anche un reading poetico (Nini Ferrara e Giusy Nicosia) accompagnato alle note del pianoforte che conducono inoltre il Soprano Anna Gorbachyova e il Tenore Rodolfo Maria Gordini.
Non ultima Beatrice Zanolini che a ritmo di jazz ricorda al pubblico le infinite combinazioni musicali che si possono creare sul pentagramma.
Un accostamento tra diversi “linguaggi” espressivi come nuova strada per avvicinare all’arte, solitamente confinata in esposizioni asettiche e paludate, spesso poco visibili e poco accattivanti. In attesa: 30 ospiti internazionali, 5000 visitatori, 400 testate giornalistiche, per oltre 18.000 inviti spediti in tutto il mondo.

Per info www.fireonthewater2016.com

Via Pietro Nava, 45 – Lecco

 

 

 

Stampa