Il profumo d’autore nato nella Terra delle Langhe

Dalla terra del tartufo, patrimonio dell’UNESCO, otto fragranze di Acqua delle Langhe che sanno di antico e di terra. Alberto Avetta ha usato la natura e la sua genuinità per creare dei profumi d’autore

Stampa

Otto fragranze, 8 ricordi e otto Acque. Entusiasmano per la loro naturalezza, arricchiscono il corpo per la loro delicatezza e esaltano la mente portandola in lontani ricordi infantili. Le otto Acque delle Langhe proposte da Alberto Avetta nascono da un sentimento e un ricordo che lo hanno portato a riutilizzare la natura per creare ciò che di bello caratterizza il territorio piemontese delle Langhe. Ricavati da una filosofia di tradizioni, di artigianato e passione che crea tramite virtù come la pazienza e l’attenzione per i piccoli gesti. Dalla terra del Tartufo nascono questi profumi artistici, raffinati e preziosi, che ben trasmettono i valori del Patrimonio UNESCO.

Cannubi

Il primo degli otto, il primo che diede il via a questa terrena collezione. Nato durante una passeggiata mattutina tra le vigne estive nelle Langhe, raccoglie in sé cardamomo, agrumi, uva, rosa selvaggia e una nota di terra.

Lirano e Alba

Questi due profumi richiamano la terra salina della Liguria con la sua fragranza delicata e fresca. Oliva, ginepro, vaniglia, muschio, rosa, gelsomino e acqua salata, ti alleggeriranno lo spirito.

Arborina e Neirane

Nati dalle più nascoste foreste del piemonte, portano con sé il profumo deciso ma delicato degli agrumi, degli Iris, della forte corteccia, della lavanda, del geranio e del muschio. La natura si concentra in queste due fragranze che racchiudono in sé molto più di quel che si vede.

Cerequio

Dal carattere forte, nato nei territori di La Morra. Le sue spezie gli donano un leggero profilo orientale ma con note di agrumi e mandorla.

Sarmassa

Il più dolce di tutti, un ricordo delle colline che degradano verso Alba. Il miele lo avvolge e la vaniglia contrasta l’uso delle spezie che lo rendono caloroso e coprente per l’anima.

Villero

È l’ultima delle otto fragranze, quella che richiama ancora una volta la terra: il nostro Mediterraneo. Si ricopre di freschezza e del caldo sole d’estate, di bergamotto e rosmarino, di rosa selvatica e lavanda per sfociare infine negli agrumi di casa nostra.

Scopri l’intensa collezione delle Acque delle Langhe, che con le sue otto fragranze saprà coccolare e stupire con solo una delicata goccia sulla pelle tiepida e delicata del polso.

Alberto Avetta

Con una laurea con master in sociologia e una lunga carriera come responsabile comunicazione nel campo dell’abbigliamento, ha voluto reinventare sè stesso e il suo futuro. Alla splendida età di 50 anni ha voluto dare una svolta alla sua vita e ritornare nella sua terra per creare qualcosa che la rappresentasse e che raccogliesse sé stesso. Da questa intuizione e voglia di natura sono nate delle fragranze uniche, che rispecchiano ciò che ha avvolto i suoi sensi dall’infanzia fino ad oggi. La curiosità, l’immaginazione, i ricordi e i suoi figli, gli hanno permesso di dare una forma al suo sogno nella collezione esclusiva di “Acque delle Langhe”.

Stampa