Stampa

Piccolo arcipelago della Micronesia composto da piccoli fazzoletti di terra di poco sopra al livello del mare, un luogo per una vacanza di pace e relax e di scenari anche sottomarini da favola

Le Isole Marshall, situate nell’Oceano Pacifico, sono composte da due piccoli arcipelaghi, Ratak e Ralik che annoverano 29 atolli composti da tante piccole isole e 5 isole staccate e separate, la loro costituzione vulcanica le contraddistingue per piccole dimensioni e per questo molte non sono abitate ma offrono uno spettacolo naturale incredibile.
Sono quindi tutti isolotti di poco sopra al pelo dell’acqua, le massime altezze sono di una ventina di metri, risultando così molto piatte e facilmente percorribili.
Dopo passate vicissitudini di controllo politico sino a prima della II Guerra Mondiale, le isole si sono rese indipendenti e sono riuscite a mantenere il loro isolamento positivo riuscendo a conservare uno stile di vita basato sulla pesca e che offre ai turisti unicamente relax e tranquillità.

Majuro è la località a ricezione turistica più importante, oltre che essere la capitale, dove alberghi e resort accolgono i turisti offrendo loro mare e spiagge incredibili e la possibilità di effettuare attività legate al mare come snorkeling, diving, canoa, kayak e molto altro.
Degna di nota è anche l’atollo di Kwajalein che ha la laguna più grande al mondo, è però per buona parte interdetto al libero accesso per un insediamento militare americano, ma vale la pena visitarne la piccola parte libera e la si può vedere dall’alto all’arrivo alle Marshall, lo spettacolo di cui si godrà è un vero incanto.

Sempre da visitare, ma non è più abitata, l’isola di Bikini, salita alle cronache per esperimenti da parte degli USA e successivamente dichiarata patrimonio dell’umanità e ora sotto tutela UNESCO. Questa, come molte altre isolette offrono il panorama di luoghi non intaccati dalla presenza umana.

Stampa