fbpx

Viaggio in Egitto: nel deserto per le aree di Wadi Gemal e Gebel Elba

Stampa

Una vacanza che ci spinge a conoscere i luoghi più autentici dell’Egitto, le perle rare del deserto del Sahara, scoperte attraverso un itinerario tra due magnifici parchi naturali

Esperienza di viaggio incredibile che ci porta ad esplorare dei luoghi incontaminati e autentici dell'Egitto, attraverso un viaggio tra il Wadi Gemal e il Gebel Elba scopriamo delle vere oasi straordinarie, all'interno del deserto del Sahara. Nel parco nazionale di Wadi Gemal si ha la meravigliosa opportunità di ammirare le rovine dell'impero romano, paesaggi incantevoli e una grande varietà di piante, si avvistano gazzelle selvagge al Ras Benas e si conosce la città sacra di Sheikh Shazley. Al Gebel Elba, invece, si sperimenta un'area incredibilmente affascinante: un mare di montagna ci conquista, insieme ad una florida vegetazione che si oppone totalmente al resto dell'area desertica che ci circonda. Inoltre è incredibilmente affascinante il mercato di Shalatin, dove acquistare vere chicche dell'Africa Nera.

L'Area protetta di Elba costituisce un parco nazionale senza pari in Egitto: una zona che gode di un clima unico, a differenza delle regioni tropicali e desertiche entro cui è racchiusa. All'interno di questa riserva troviamo il Gebel Elba, una montagna che emerge dal deserto e regala precipitazioni annuali di circa 400 mm di brina, fenomeno atmosferico che contribuisce alla nascita di numerose ed impressionanti oasi, avvolte in una sottilissima nebbiolina. Le piante dell'area del Gebel Elba sono le più rigogliose dell'Egitto, ma vi è un solo esemplare di flora endemica, la Biscutella elbensis. Per quanto riguarda la fauna, sono presenti specie sub-sahariane come la zorilla, il protele e la pecora crinita, inoltre questa zona è scelta da numerosi uccelli per la loro riproduzione.

Il parco nazionale di Wadi el-Gemal, detto Valle dei Cammelli, copre una superficie di 60 km sulla costa del Mar Rosso e include le isole Wadi Gemal, le barriere coralline, i banchi di alghe e le mangrovie e il Gebel Hamata (1977 m), dove si possono ancora trovare gli stambecchi e le gazzelle. A Wadi el-Gemal potrete fare escursioni a piedi, immersioni subacquee e praticare bird watching. I banchi di alghe costituiscono l'alimento principale del dugongo e della tartaruga verde, la Chelonia myda, che nidifica sulla costa e sulle isole. 

Ecco il programma dettagliato giorno dopo giorno!
1° giorno: Si parte da Marsa Alam e ci si sposta a sud verso il Parco Nazionale Wadi Gimal, dove ci si accampa per la notte. 
2° giorno: Visita di Wadi Gimal, delle città romane di Seket e Negrus, e ci si accampa a Wadi Gimal.
3° giorno: Visita della città caratteristica di Sheikh Shazly e del suo Mausoleo. Shekh Shazly si trova nel tragitto del pellegrinaggio verso la città sacra di La Mecca e costituisce oggi un centro che ospita centinaia di migliaia di pellegrini all'anno.
4° giorno: Visita di Sakuta, un piccolo posto sulle montagne dove si trova una piccola cascata.
5° giorno: Si guida verso il mare e ci si accampa a Ras Banas, sperando di entrare incontro a numerose gazzelle.
6° giorno: Escursione alle rovine del villagio di Saket, dopo pranzo si parte verso Gebel Elba.
7° giorno: Spostandosi a sud verso Gebel Elba National Park, ci si ferma a dormire nel Wadi Naam.
8° giorno: Escursione delal durata di un'ora attorno a Wadi Naam e arrivo a pranzo nell'area di Abraq, celebre per le sue rocce. Si visita Abu Saafa.
9° giorno: Ci si sposta verso Wadi Hodein, dove ci si accampa per la notte.
10° giorno: Si entra nella città di Shalatin, visita al mercato e tempo libero per lo shopping. SI possono acquistare numerosi prodotti provenienti dall'Africa Nera. Ci si sposta dopo pranzo per visitare El Gaheleya.
11° giorno: Escursione nell'area di El Gaheleya, prima di ripartire verso nord in direzione Bernice.
12° giorno: Ritorno a Marsa Alam e rientro in Italia.

Informazioni generali
Numero minimo di partecipanti: 4 persone
Prezzo a persona: 1.660€

Fonte | www.dabuka.de, service@dabuka.de

Stampa