fbpx

Cappelli autunno inverno 2014 2015

Stampa

Un copricapo riesce a completare al meglio un outfit e quando fa freddo è anche molto utile: guarda tutte le proposte moda più cool per l’accessorio di stagione!

Tra le tendenze degli accessori per l'autunno-inverno in cui siamo appena entrati ci sono i cappelli. Per chi vuole essere decisamente glam, nell'outfit non può mancare un copricapo che, oltre al lato estetico è anche un pratico strumento per ripararsi e stare al caldo, unire, come si dice “l'utile al dilettevole”. Alle sfilate anche i vari marchi ultranoti del fashion hanno aggiunto alle mise in passerella un cappello, la tendenza è la riscoperta della pelliccia, vera o eco oppure di gran moda l'associazione di diversi materiali.

Capogiro Firenze
Derivazione del gruppo Catarzi, Capogiro offre cappelli artigianali con accessori che fanno il dettaglio distintivo, dal bambù ai papillon staccabili e riutilizzabili in altro modo. Lana, feltro, pelle e tutti materiali di alta qualità per copricapi da portare tutti i giorni grazie alla scelta della tesa stretta. I colori sono caldi, da ocra al vinaccia, al rosso, ma anche una puntatina verso tonalità più fredde come il grigio, il blu, l'azzurro e l'indaco.

Borsalino
Tanto da dare il nome al cappello, il marchio Borsalino porta avanti la tradizione nei copricapi proponendo il suo classico ma sempre con un tocco di novità. Questo è nei contrasti tra la banda e il cappello, colori che vanno dal classico nero, ma anche all'ocra, rosso, blu, vinaccia e molti altri che sono a contrasto tra loro. E poi le lavorazioni diverse che creano un gioco di colore sui cappelli. Ed anche una capsule collection nero totale.

SuperDuper Hats
Altro marchio esclusivo di cappelli che propone classiche forme ma rivisitate in dettagli e qualità. Cappelli alla “torero”, oppure a tesa più larga per lei o dei veri e propri cap da fantino o calottine, tutto in lana e materiali pregiati. Colori autunnali come è la tendenza: ocra, rosso, bodeaux e diverse variazioni di marrone, dal tortora al fango e ovviamente il classico nero.

Stampa