fbpx

De Chirico e l’oggetto misterioso, tutte le informazioni sulla mostra

Stampa

Dal 27 settembre al 1 febbraio 2015, alla Reggia di Monza, la straordinaria personale sul maestro del Novecento Italiano Giorgio De Chirico

E’ aperta fino al 1 febbraio 2015 la mostra dedicata al grande pittore metafisico Giorgio De Chirico, evento inaugurale della stagione delle Grandi Mostre alla Reggia di Monza che riapre le sue splendide sale al pubblico dopo una delicata opera di restauro.
La mostra, promossa dal Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, è ideata, prodotta e organizzata da ViDi in collaborazione con la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico da cui provengono le opere del Maestro metafisico e costituisce un viaggio nella vita di uno degli artisti più amati del Novecento italiano.
Giorgio De Chirico, esponente della corrente metafisica di cui divenne uno dei massimi rappresentanti fu pittore, scultore, scenografo, costumista, scrittore, illustratore di opere letterarie, dal racconto mitologico ai grandi classici moderni, grande conoscitore della filosofia antica e moderna e amante della cultura classica e riporta nelle sue opere elementi di questa sconfinata conoscenza. La sua pittura è carica di suggestione, ricca di atmosfere enigmatiche in cui dominano l’immobilità e il silenzio e la prospettiva ha un ruolo fondamentale all’interno della composizione.

La pittura metafisica, che si colloca nei primi del Novecento, era caratterizzata dalla collocazione di oggetti apparentemente scollegati tra loro in contesti neutri e alla vista privi di significato ma per questo densi di valore intrinseco proprio negli oggetti stessi.
L’esposizione, curata da Victoria Noel-Johnson, con la collaborazione di Simona Bartolena, presenta oltre trenta opere della collezione Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, dagli anni Quaranta fino alla metà degli anni Settanta, con l’obiettivo di illustrare il ruolo che l’oggetto misterioso gioca nella produzione artistica del Maestro.

Il percorso della mostra è iconografico e approfondisce il rapporto del pittore con alcune tematiche della sua ricerca, in particolare con la presenza ricorrente di alcuni oggetti.
Tra le opere esposte “Interno metafisico con pere”, “Sole sul cavalletto”, “La meditazione di Mercurio”, “Il poeta e il pittore” e molti altri.
Lungo il percorso espositivo le opere saranno accompagnate da video e racconti suggestivi per un’immersione completa nella vita e nell’opera del Maestro. Attraverso i suoi ricordi, le sue fantasie e le sue visioni il pubblico avrà la possibilità di scoprire la straordinaria personalità artistica e umana del Grande Metafisico che ha avuto un ruolo fondamentale nello scenario artistico italiano e internazionale del Novecento.

INFO E ORARI
Sede
Reggia di Monza, Serrone della Villa Reale
Viale Brianza, 2
20090 Monza

Info mostra
Tel. 039.2312185 / 02 45496874
info@dechiricomonza.com
www.reggiadimonza.it – comunicazione@reggiadimonza.it

Prevendita biglietti
www.ticketone.it

Info e prenotazioni scuole e gruppi:
Tel. 02 36638600 (dal Lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 18.00)

Orari
Dal lunedì al giovedì: 10.00-13.00 / 14.00-19.00
Venerdì: 10.00-13.00 / 14.00-22.30
Sabato e domenica 10.00-20.00
Sabato 1 novembre 10.00-20.00

Prezzi
Intero: 10,00 euro
Convenzionato: 9,00 euro
possessori della Carta più Feltrinelli, possessori Carta multipiù Feltrinelli, dipendenti Librerie Feltrinelli, soci Touring Club Italiano
Ridotto: 8,00 euro
ragazzi under 18, over 65, gruppi (min. 15, max 30 persone),  dipendenti del consorzio di Villa Reale, dipendenti Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, dipendenti del Comune di Milano, dipendenti del Comune di Monza, dipendenti della Regione Lombardia, possessori del biglietto “Ville aperte”, possessori di biglietto Museo del tesoro del duomo, possessori di biglietto Musei Civici di Monza, possessori voucher “Il Cittadino”
Tariffa famiglia: 7,00 euro a persona (1 o più adulti con almeno un bambino sopra i 6 anni)
Scuole: 5,00 euro
Gratuito: bambini sotto i 6 anni, disabili e accompagnatori, giornalisti con tesserino valido

Stampa