Cosa visitare nella Sicilia orientale: guida tra cultura e natura

Guida alle più belle città della costa su orientale siciliana, attraverso la storia, la cultura, il cibo ed il mare, un vero patrimonio mondiale

Stampa

Visitare la Sicilia nella costa sud orientale ci porta a scoprire città e cittadine ricche di storia, di cultura, di ottimo cibo e bellissime spiagge che si affacciano su di un mare cristallino.

Cosa visitare a Taormina

Arroccata su una collina che affaccia sul mare, questo centro fa risalire le sue origino a quasi mille anni prima di Cristo e grazie alla sua posizione strategica di dominio del mare circostante ha poi subito nel corso dei secoli diverse dominazioni che hanno lasciato traccia in edifici e monumenti.
Quasi tutta pedonale per mantenerne intatta la sua struttura ed il suo fascino, da visitare il Teatro antico ancora oggi utilizzato per manifestazioni e concerti indimenticabili, il Duomo di Taormina, la Chiesa di Santa Caterina, quella di Sant’Antonio Abate, il Palazzo Corvaja ed il Palazzo dei Duchi di Santo Stefano con il suo meraviglioso giardino. E l’Etna è sempre ben visibile sullo sfondo.
Da vedere anche l’Isola Bella di Taormina con la sua splendida spiaggia.

Catania

Da vedere il suo centro storico barocco dichiarato patrimonio dell’UNESCO. Questa città rimane un centro ricco di cultura che permea anche dalle sue case e dai suoi monumenti. La cattedrale di Sant’Agata, la Chiesa di San Benedetto, La Chiesa di San Francesco, la fontana dell’elefante, Palazzo Valle e Villa Cerani. E poi è anche piacevole perdersi per le strade e stradine e guardarsi attorno bevendo l’anice fresco acquistato in un chiosco tipico.

Siracusa

Scendendo verso sud è fondamentale una tappa a Siracusa, splendida città sul mare anch’essa ricca di storia e di luoghi di interesse dichiarata patrimonio dell’UNESCO nel 2005. Oltre alla sua costa e la sua scogliera è ricca di monumenti greci e romanici, templi (quello di Apollo, di Atena e di Zeus) e il teatro antico più grande di quello di Taormina. E poi il Duomo barocco, la Chiesa di Santa Lucia e di San Giovanni.

Noto

Siamo quasi arrivati alla punta più a sud dell’Italia, ma prima una sosta a Noto, definita la capitale del Barocco e il suo centro storico tutelato dall’UNESCO. Subì un grande terremoto alla fine del 1600 ma venne costruita nuovamente. Anche la Cattedrale, crollata qualche anno fa improvvisamente è stata riportata agli antichi fasti. Ma da vedere ci sono anche la Chiesa di San Carlo, quella di San Domenico e di Santa Chiara, palazzo Ducezio e la Porta Reale ad uno degli ingressi della città.

Portopalo di Capo Passero

È la punta estrema della Sicilia, piccolo paesino ha però una costa magnifica con due isole, l’Isola di Capo Passero e l’Isola delle correnti facilmente raggiungibili anche a nuoto. Fondali limpidi e cristallini fanno di questa fine del nostro tour la meta ideale per riposarsi.

Ti è piaciuto questo viaggio? Prova a gustare la peperonata siciliana

Stampa