Le città capitali dell’arte in Svizzera

Coniugando felicemente tradizione e sperimentazione artistica, modernità e ricerca la Svizzera è in grado di influenzare le aspettative e i gusti dei visitatori

Stampa

Arte declinata in molteplici forme e dedicata a illustri pittori. Questo è il fil rouge condiviso da varie città elvetiche e sul quale ha puntato la Svizzera per incrementare il turismo, facendo leva sul grande appeal che mostre ed esposizioni hanno sui visitatori, desiderosi di ammirare quadri, installazioni, fotografie. 

La stessa Basilea, dove “i musei, le gallerie e le esposizioni fanno parte del tessuto urbano” vanta ben 40 musei di altissimo livello, tra cui spicca il Kunstmuseum, il più prestigioso della Svizzera. Nel maestoso edificio trovano spazio le più importanti collezioni d’arte pubblica, ma anche esposizioni tematiche che richiamano migliaia di visitatori. Il 30 marzo verrà inaugurata la mostra “Cosmo Cubismo. Da Picasso a Leger”, una raccolta di 130 opere che tracciano l’evoluzione del cubismo, aperta fino al 4 agosto 2019. L’affascinante Museo Tinguely, dedicato all’artista svizzero che inventò le macchine musicali, è già in corso l’esposizione Cyprien Gaillard (16 febbraio – 5 maggio 2019), giovane artista francese che si esprime attraverso la foto, la pittura, la scultura e il video.

Infine, la Fondazione Beyeler ospita l’esposizione “Il giovane Picasso. Periodo blu e rosa (3 febbraio – 26 maggio 2019), per celebrare il grande pittore spagnolo.  

Se Basilea incorpora il maggior numero di esposizioni, Zurigo gioca la sua carta migliore con la riapertura (11 maggio 2019) del Pavillion Le Corbusier, uno spazio espositivo sulla riva orientale del lago di Zurigo, commissionato dal collezionista Heidi Weber, ricco di vetro, acciaio e pannelli di vernice colorata. Fino al 23 giugno, inoltre, si può ammirare la mostra fotografica “Sebastiao Salgado – Genesis”, ospitata nella sede principale del Museum fur Gestaltung.  

La Svizzera riserva piacevoli sorprese in ambito artistico e vinicolo anche in estate. Per celebrare i 200 anni della fondazione del suo Kunstmuseum, l’affascinante e pittoresca Lucerna ha organizzato la mostra “Turner, il mare e le Alpi”, dedicata al pittore inglese esponente del romanticismo. Turner, infatti, ebbe modo di visitare Lucerna in diverse occasioni tra il 1802 e il 1844, e alcune sue opere ritraggono il lago e le vicine montagne. La mostra verrà inaugurata il 6 luglio e rimarrà aperta fino al 13 ottobre 2019.

Se l’arte ha un ruolo di primo piano nell’offerta turistica 2019, l’enogastronomia ha il merito di coinvolgere appassionati e gourmet, mentre a Vevey si celebra la Fête des Vignerons, patrimonio Unesco, una tradizione unica al mondo. La prossima edizione, curata dal regista ticinese Danile Finzi Pasca, si terrà dal 18 luglio all’11 agosto 2019. 

Diversa, ma non meno partecipata, la Festa federale della lotta svizzera e giochi alpestri (dal 23 al 25 agosto 2019) di Zugo raduna 50.000 persone al giorno. Tra folklore, musica e sport, oltre 200 atleti provenienti da tutta la Svizzera si contendono il titolo, supportati da un tifo enorme.  

Infine, la parabola degli eventi culturali si chiude ad ottobre con l’inaugurazione di Plateforme 10, il nuovo quartiere delle arti di Losanna, che diventerà la “grande vetrina della città”. Frutto della collaborazione tra istituzioni pubbliche e private, il progetto farà dialogare Belle arti e design, fotografia e installazioni multimediali.

 

Riferimenti per il pubblico da citare negli articoli

Numero verde 00800 100 200 30 (non eliminare “00” iniziale)
www.svizzera.it
info@myswitzerland.com

 

Social Media

#INNAMORATIDELLASVIZZERA

Twitter: @myswitzerland_i
Facebook.com/myswitzerland

Stampa