Le più belle spiagge del mondo, Formentera

Stampa

L’istmo di terra di ses Illetes si estende nel mare con le sue meravigliose spiagge verso Ibiza. Alla sua estremità s’Espalmador è un’isoletta selvaggia ricca di spiagge vergini tra le più belle del Mediterraneo

L’isola di Formentera conquista soprattutto per la sua natura selvaggia e il mitico passato della Beat Generation che ha scoperto per la prima volta quest’isola spagnola come meta turistica. La più piccola delle Baleari offre un paesaggio in alcuni tratti ancora incontaminato e dove la ricca affluenza turistica non è riuscita a trasformare completamente il territorio, lasciandogli il fascino naturale e primordiale.

Dal lato opposto della famosa Platja de Llevant, lungo il versante ovest della penisola del Trucador, si estende il parco naturale delle Saline con la spiaggia di ses Illetes, che significa spiaggia delle piccole isole per la presenza di numerosi isolotti che la circondano. E’ sicuramente la spiaggia più famosa di Formentera e pertanto i turisti non mancano mai, ma nonostante la mancanza di quiete non si può rimanere delusi dallo spettacolo di questo istmo di terra che si insinua nel mare e la cui forma cambia in continuazione a seconda dei venti e delle correnti.

Proprio la Platja di ses Illetes fa da sparti acque nel mare, tanto che anche nei caratteristici giorni ventosi dell’isola è sempre possibile trovare il mare calmo in uno dei due versanti. Circa 200 metri di acqua separano il limite estremo di questa spiaggia e l’isola di s’Espalmador, un’isola di appena 3 km di superficie selvaggia e disabitata. Le meraviglie naturali e la ricca presenza di fauna selvaggia fanno di quest’isolotto un parco naturale protetto, tanto che non vi è alcuna struttura sull’isola tranne la Torre di Sa Guardiola, una torre di vigilanza risalente al XVIII secolo divenuta ora un interessante punto panoramico sul luogo.

L’isola di S’Espalmador è raggiungibile sia dal porto principale di Cala Savina, o con piccole imbarcazioni da ses illetes o ancora, per i più allenati, anche a nuoto. Nei giorni con tempo particolarmente favorevole si può raggiungere anche a piedi dato che il livello dell’acqua con mare calmo non super il metro d’altezza.

Questo luogo, in compenso, nasconde tante piccole meraviglie naturali.
Vi sono varie spiaggette, tutte vergini ed incantevoli, ma la più bella è senz’altro Platja de s’Alga (o Racó), un’insenatura naturale con sabbia bianca e mare caraibico, meta preferita da molti turisti; in alta stagione, si possono notare numerosi yacht che stazionano al largo di questa bellissima caletta.

Al centro dell’isolotto, nei pressi della Platja de s’Alga, è presente una piccola laguna solforosa in cui è possibile fare dei salutari bagni di argilla calda, che pare faccia molto bene alla pelle.

Stampa