fbpx

Le spiagge dell’Oman, sabbia dorata e mare tranquillo, baie e calette da scoprire in barca o luoghi per ammirare la fauna

Stampa

Grazie a coste con panorami diversificati, l’Oman offre spiagge molto diverse che soddisfano gli amanti del totale relax, gli appassionati di diving e snorkeling e gli amanti della natura

Il sultanato dell’Oman ha una costa di oltre 3 mila chilometri spaziando dal Mare dell’Oman, al Mar Arabico sino allo stretto di Hormuz con panorami molto diversi, dalla sabbia con spiagge tranquille, le spiagge tropicali con le palme che sfiorano la riva nella zona di Salalah a rocce che scendono a picco sul mare nella penisola di Musandam creando cale e calette molto caratteristiche.

Muscat e le sue spiagge lunghe e sabbiose
La capitale Muscat (Muscate) ha delle splendide spiagge adatte alla balneazione durante tutto l’anno. Mare tranquillo, calma e relax sono il filo conduttore partendo dalla spiaggia più famosa della capitale, Qurm ma anche la poco più distante Qantab con una piccola laguna rocciosa. Poco distante, a circa 25 chilometri, nel villaggio di Sawadi, trovate le spiagge con le gigantesche mangrovie, un vero spettacolo. Più selvaggia ancora è la spiaggia di Fins, sembra di essere immersi nel nulla più totale.

Le spiagge delle tartarughe verdi
Per apprezzare altre spiagge dell’Oman, visitate il villaggio di Sur e nelle vicinanze la spiaggia Ras al Hadd dove le acque del golfo di Oman si uniscono a quelle del Mar Arabico e dove si possono vedere le tartarughe verdi che troverete anche nella vicina Ras al Jinz.

La penisola di Musandam
È per gli amanti della barca perché la costa è completamente rocciosa a strapiombo sul mare, non raggiungibile facilmente da terra ma con le tipiche barche dhow o in catamarano o per una gita in kayak si possono scoprire fiordi, insenature e baie bellissime dal colore cristallino e perfette per praticare lo snorkeling.

Dhofar e Mughsail
Se inveve amate la natura e volete scoprire specie animali, le coste del Dhofar e la baia di Mughsail è la zona perfetta grazie ad una nutrita popolazione di uccelli e fauna marina.

Stampa