Assumere cioccolato fondente nelle giuste quantità è un toccasana per tutto il corpo, non solo per l’umore

Stampa

Il cioccolato è uno di quegli alimenti che viene eliminato immediatamente dalle diete, messo al bando, esorcizzato e visto come un diavolo tentatore. Ma il cioccolato se consumato nel giusto rapporto e soprattutto se preferito di qualità e non elaborato, è anche benefico per il nostro organismo.

Tipi di cioccolato
Il cioccolato fondente è il prodotto più puro, a cui non vengono aggiunti altri elementi che vanno ad aumentare il potere calorico e magari anche ad eliminare alcuni principi della materia prima, il cacao. Nella scelta va preferito a tutti gli altri perché in percentuale è il meno calorico ed è anche il più salutare. Largo quindi al fondente, anche senza arrivare a quello puro all’80% che per consistenza e sapore è impegnativo, ma già 60%-70% (fondente ed extra fondente) si ha una purezza adatta ad una assunzione anche quotidiana senza un grande impatto calorico.

Benefici
Il cioccolato fondente ha un effetto positivo sulla circolazione sanguigna, oltre a migliorarla, aiuta ad evitare tutte quelle problematiche legate ad essa, dall’arresto cardiaco, alla stanchezza cronica, ai cali di attenzione. Ma non è finita qui.
Ha un contenuto di fibre importanti in rapporto al peso, è quindi perfetto a conclusione di un pasto per donare sazietà rispetto a qualsiasi altro prodotto dolciario.
Grazie al suo alto contenuto di flavonoidi e antiossidanti andando ad agire contro l’invecchiamento delle cellule e favorendone la rigenerazione, è un contributo all’anti invecchiamento interno ed anche della pelle.
Assolutamente da non trascurare è la carica emotiva che il cioccolato riesce a dare. Ha un effetto estremamente positivo sull’umore, riuscendo a stimolare le endorfine presenti nel nostro cervello e a stimolarne la produzione.

Quantità
La giusta quantità è un quadretto al giorno, non di più, ma sappiate che tutti i giorni lo potete mangiare. Come se quotidianamente assumeste una pillola della felicità. Non è salutare concentrare tutto in un solo giorno, ovvero mangiare una tavoletta intera e poi per giorni non avvicinarsi più al cioccolato. Quindi, moderazione!

Stampa