fbpx

Antonio Canova: mostra per il bicentenario del Tempio di Possagno

A dal 12.07.2019 al 13.10.2019

Stampa

Dal luglio ad ottobre in provincia di Treviso, la mostra dedicata al maestro dell’arte scultorea Antonio Canova, presso il museo e la gipsoteca della sua terra natale

A Possagno, l’11 luglio 1819 Canova fu presente alla posa della prima pietra per la nuova Chiesa Parrochiale, opera che non vedrà mai conclusa, a causa della sua morte nel 1822, la chiesa fu consacrata 10 anni dopo dall’inizio dei lavori.
A 200 anni dall’evento, Possagno vuole ricordare il maestro e la sua opera con la mostra intitolata “Un tempio per l’eternità”  in occasione degli Anniversari Canoviani.

Il Partenone di Atene, i templi di Paestum e la Rotonda di Agrippa a Roma sono i modelli di riferimento per lo sviluppo della chiesa.Esempio di architettura che si trova ai piedi della Pedemontana del Grappa ed unisce la Grecia antica all’Impero romano attraverso il Pantheon ed il Partenone, e al suo interno è possibile ammirare sculture, dipinti ed incisioni.
Il gioco di proporzioni di questa architettura consiste nell’utilizzo di elementi e forme geometriche come il cilindro, la sfera ed il triangolo, che danno perfetta armonia alla struttura.

Il Tempio è la raffigurazione della religiosità e della creatività artistica dello scultore.
Infatti per Canova lo scopo finale era quello di collocare all’interno di esso una statua della Religione, ed il modello è visibile nell’aula della Gypsotheca.
La chiesa, maestosa ed imponente, è la testimonianza di amore del maestro verso la sua Terra natale, nel cuore del Veneto, terra ricca di itinerari gastronomici, di cultura e natura tutti da scoprire.

“Il Tempio è la maestosa teca delle sue ultime sculture di tematica religiosa: profeti, martiri, apostoli e brani biblici”
Quatremère de Quincy

“E’ mio divisamento, di seguire, nell’esecuzione di questa opera, l’esempio di qualche illustre e famigerato monumento, senza porvi nulla di altrui invenzione. E venendo al particolare, dissi che avrei eletto per il portico di sei colonne, le proporzioni del tempio con portico dorico riportato dallo Stuart, che si crede un resto del tempio dedicato a Roma e ad Augusto”
Antonio Canova a Giannantonio Selva, 5.VIII.1818

 

  • Evento promosso da
    Opera Dotazione del Tempio Canoviano di Possagno
    Fondazione Canova onlus
    Comune di Possagno

Stampa