Crema di piselli con baccalà mantecato: una ricetta gustosa e veloce

Stampa

Ecco la ricetta dello Chef Franco Favaretto, patron del ristorante Baccalàdivino e “re del baccalà”: un piatto saporito, leggero, veloce e facile da preparare! I vostri ospiti non rimarranno delusi!

Con l’arrivo del caldo non si ha voglia di passare molto tempo ai fornelli e si preferiscono cibi freschi ma allo stesso tempo gustosi.
Il “re del Baccalà” Chef Franco Favaretto, patron del ristorante Baccalàdivino, ha ideato una ricetta leggera e veloce da realizzare: Crema di piselli novelli con nuvola di baccalà Tagliapietra mantecato e petali di pane tostato.
Grande protagonista: la polpa di stoccafisso mantecata, dal gusto intenso e allo stesso tempo delicato.
E se la preparazione dello stoccafisso (merluzzo essiccato) vi preoccupa, non temete: sul mercato esistono prodotti che permettono di cucinarlo in pochi minuti, come la linea Prontocuoci dell’azienda Tagliapietra che propone polpa di stoccafisso già cotta al vapore.(http://www.tagliapietrasrl.com/prodotti/stoccofacile/prontocuoci/)

 

Ingredienti:

  • 200 gr. di polpa e pelle di stoccafisso (bagnato) Tagliapietra
  • 1 kg di pisellini freschi sgusciati
  • 2 cipollotti freschi
  • 1 lt. di latte
  • 200 dl. di olio Evo
  • 100 gr. di prezzemolo
  • ½ limone
  • Sale e pepe q.b.
  • 8 fette di pane sottili e tostate

 

Preparazione:

Fate bollire lo stoccafisso con alloro, limone e sale per 10 minuti. Scolatelo e mettetelo in uno sbattitore incorporando a filo i 200 dl. di olio Evo come una maionese. Il mantecato è pronto.
Tritate i cipollotti e soffriggeteli in poco olio, successivamente unite i piselli coprendoli con il latte. Portate a cottura aggiustando di sale. Con un frullatore a immersione fate una crema.

 

Impiattamento:

Mettete la crema di piselli in una fondina stretta (cappello del prete). Adagiate un ciuffo di mantecato e due fette di pane precedentemente tostate.

Chef Franco Favaretto, patron del ristorante Baccalàdivino di Mestre (Venezia), meglio conosciuto come “il re del Baccalà” per la sua profonda conoscenza di questa materia prima, interpreta con questa ricetta il Baccalà Tagliapietra. Fondato nel 1934 dal nonno Nino, il ristorante Baccalàdivino è un punto di riferimento per gli appassionati del merluzzo, sia essiccato (stoccafisso) che dissalato (baccalà). La cucina di Franco è il tempio di pregiati stoccafissi, selezionati direttamente nelle isole Lofoten (in Norvegia, la patria del merluzzo). Chef Favaretto è anche socio-fondatore della “Dogale Confraternita del Baccalà Mantecato”.

Tagliapietra, da oltre mezzo secolo, lavora lo stoccafisso tra tradizione e innovazione. La storia dell’azienda Tagliapietra e Figli Srl comincia nel 1946 quando Angelo Tagliapietra inizia la sua attività come impiegato al mercato ittico all’ingrosso di Rialto a Venezia. Nel 1965 il figlio Ermanno, allora quindicenne, iniziò a lavorare con il padre Angelo nel commercio del pesce fresco italiano. Da questa collaborazione iniziò la crescita e lo sviluppo dell’azienda che porterà, con gli anni, a posizionare la Tagliapietra e Figli Srl tra le aziende leader nella commercializzazione di prodotti ittici, ma soprattutto del baccalà e dello stoccafisso. Oggi, al vertice dell’azienda ci sono tre giovani imprenditori che hanno interpretato i cambiamenti e le esigenze del mercato. Alla dirigenza ci sono i tre nipoti dell’allora fondatore Angelo Tagliapietra, i figli di Ermanno: Valentina, classe 1975 responsabile del personale, Luca, del 1976 direttore della produzione, e Daniele, il più giovane, classe 1980, responsabile commerciale, marketing e amministrativo, sales manager.
Nel sito dell’azienda www.tagliapietrasrl.com si possono trovare molti spunti e suggerimenti per creare ricette fantasiose e invitanti. Tagliapietra fa parte della “Dogale Confraternita del baccalà mantecato”.

Stampa