Croazia, a Crikvenica una spiaggia per cani

Stampa

Vorreste andare in vacanza, ma non sapete a chi affidare il vostro fedele compagno a 4 zampe? Se andate in Croazia, portatelo con voi, la spiaggia di Podvorska nella riviera di Crikvenica (Cirquenizza in italiano) a 121 km da Trieste ha aperto il Monty’s Dog Beach and Bar

La riviera di Crikvenica ha aperto il Monty’s Dog Beach and Bar, una spiaggia per cani che non solo accetta i fedeli amici dell’uomo ma addirittura mette a loro disposizione una serie incredibile di servizi dedicati come docce, ciotole con acqua fresca, ombrelloni e zone d’ombra, salone di bellezza e servizio veterinario, e poi – novità assoluta – un bar dove possono abbeverarsi e anche fare uno spuntino sia i clienti a due zampe che quelli a quattro.

Servizi

A disposizione ci sono ad esempio birra canina a base di verdure e pollo, gelato canino con banane, burro di arachidi, yogurt e latte di soia, te o tisane medicamentali per la cura del pelo, e poi snack per cani per il momento della fame.

Persone ed animali possono giocare assieme in acqua o sulla spiaggia di sassi arrotondati, oppure assieme a nuovi amici, fare un bagno, immersioni e surf, quindi una bella doccia rinfrescante e poi sedersi all’ombra del bar a sorseggiare un caffè oppure una birra assieme.

L’idea è di una giovane coppia, Ruby e Igor Montanari-Knez (siamo in zona di bilinguismo e tutti capiscono l’italiano), proprietari di un hotel e amanti dei cani.

La riviera

Crikvenica è una importante località balneare della costa orientale del golfo del Quarnaro, nella Dalmazia settentrionale, con un lungomare lungo ben 8 km dove si affacciano alberghi, ristoranti, bar e locali notturni. Molto frequentata in estate da villeggianti stranieri e locali, deve la sua fortuna alla posizione geografica, non distante da Opatja/Abbazia e Rjjeka/Fiume, dalla strada per l’interno della Croazia continentale (parco nazionale di Plitvice e Zagabria), dal ponte di accesso all’isola di Krk/Veglia e dall’aeroporto di Fiume.

Antico ex borgo di pescatori, sorge attorno ad un monastero fortificato del 1412, e fu scelta alla fine del 1800 come località balneare dall’arciduca Giuseppe d’Asburgo, che vi fece costruire i primi alberghi in stile art déco.

Innumerevoli le possibilità di escursioni, per mare e per terra, lungo la costa, nell’interno e sulle isole del golfo. Assai attiva e movimentata la vita notturna estiva, costituendo uno dei cardini della movida giovanile croata.

Stampa