fbpx
Stampa

A metà strada tra Zagabria, la capitale della Croazia, e Zara, in Dalmazia, il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice include ben 16 laghi alimentati dal Bijela Rijeka (Fiume Bianco), dal Crna Rijeka (Fiume Nero) e da numerose sorgenti sotterranee; a connettere il tutto una serie di cascate e cascatelle che, a loro volta, si riversano nel fiume Korana.

Proclamati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1979, i Laghi di Plitvice distano poco più di 200km da Trieste e dal confine italiano e rappresentano una valida attrattiva durante tutto il corso dell’anno: d’estate e in primavera, quando il verde brillante della vegetazione dà il meglio di sè, ma anche d’autunno, con gli alberi dipinti di tutte le sfumature del giallo, rosso e arancio, o persino d’inverno, quando la neve ricopre candidamente il paesaggio rendendolo quasi magico.

Il biglietto per accedervi costa poco più di 7 euro in bassa stagione mentre aumenta al di sopra dei 20 euro in alta stagione; esso comprende non soltanto l’ingresso all’area ma anche tutti i trasporti (battelli elettrici e trenini) all’interno del parco stesso.

Un esplosivo spettacolo naturale accoglie i turisti che si incamminano tra le vie del parco, facilmente visitabile grazie a una rete ben segnata di sentieri e da 18 km di passerelle in legno a pelo d’acqua.
Una passeggiata molto suggestiva attraversa le due zone in cui il complesso è suddiviso: la prima, quella superiore, i cui laghi si trovano in una valle dolomitica, ricca di foreste e magnifiche cascate, e quella inferiore, dove gli specchi d’acqua sono più piccoli e la vegetazione più bassa.
Nell’area vivono anche numerose specie animali che, con un pizzico di fortuna, è possibile intravedere: ci sono orsi, lupi, cinghiali, volpi, tassi, e numerosissime specie di uccelli.
Per aiutarsi nell’esplorazione,  all’ingresso del Parco si può acquistare una mappa nella quale si trovano segnati non soltanto tutti i 16 laghi ma anche le stazioni di sosta e gli 8 percorsi possibili, suddivisi in base del tempo di percorrenza.
Per visitare l’intero complesso ci si impiega dalle 6 alle 8 ore, includendo nella stima le dovute soste per rifocillarsi, ammirare e fotografare cotanto splendore.
Inoltre, per chi volesse dedicare più tempo ai Laghi di Plitvice, all’interno del parco sono dislocati 3 hotel e alcuni campeggi.

Il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice è aperto tutto l’anno, giorni festivi compresi, dalle 7 della mattina alle 8 di sera.
Gli animali domestici sono ammessi ma soltanto al guinzaglio e con museruola oltre che ovviamente nel rispetto della pulizia e della quiete di tutti gli altri visitatori.

Stampa