Egitto, Il Cairo e Sharm el Sheik

Il viaggio di una vita, tra storia e mare, in uno dei Paesi più belli da visitare

Stampa

È la terra dei Faraoni e non abbiamo mai smesso di amarla. Il fascino misterioso delle Piramidi, la bellezza della Sfinge, il mito di Osiride ed Iside da cui tutto trae origine ed il dio Ra, il sole luminoso e vitale che ogni mattina miracolosamente torna a splendere. Ed ancora il Nilo grande e generoso, fiume sacro fonte di vita e venerato come un dio; lungo le sue sponde gli antichi egizi hanno disseminato tracce incancellabili della loro profonda sapienza, costruendo villaggi e città, templi e tombe.

Egitto è terra calda e ospitale, di cui amiamo le spiagge incantevoli, la barriera corallina che custodisce le acque cristalline dalle mille sfumature di blu e gli acquari naturali dove immergerci per meravigliosi viaggi sottomarini ed incontrare creature colorate e magnifiche.

Egitto è terra di esploratori ed amanti della natura, con paesaggi desertici fra i più affascinanti del deserto del Sahara. Oggi come un tempo, le sabbie molli ed ambrate delle dune, gli echi del passato risonanti nelle valli rocciose, i paesaggi lunari, le notti illuminate da tante stelle come mai si sono viste, esercitano un’attrazione alla quale è difficile sottrarsi.

Ed ancora ambra e incenso, cibi speziati, mercati brulicanti e caldi sorrisi, sguardi timidi e curiosi di donne con le mani finemente decorate in pizzo di hennè, occhi sorridenti e curiosi di bimbi vivaci e con il sole dentro.

Egitto caldo e caloroso, dove il sole rosso e grande si tuffa nella sponda orientale del Nilo tutte le sere e per magia torna a splendere dalla sponda occidentale, chiaro e luminoso il giorno seguente.

Il Cairo, la Vittoriosa

La chiamano Al-Qhirah, la vittoriosa, è la capitale dell’Egitto ed una delle più grandi metropoli del continente africano, con i suoi 10 milioni di abitanti. Città affascinante e brulicante di vita, sorge da oltre 1000 anni sulle rive del Nilo e ne costituisce il principale ingresso portuale. Segnata da una storia millenaria, un po’ orientale, un po’ occidentale, Il Cairo è una città dalle millle sfumature: antica e moderna, il verde lussureggiante delle rive del Nilo dove le acque blu riflettono le luci dei moderni grattacieli ed un tappeto di sabbia uniforme color ocra dove poggiano migliaia di abitazioni che si perdono a vista d’occhio. Tracce della civiltà romana, araba e turca, eleganti edifici liberty di inizio secolo si mescolano a palazzi moderni, brulicanti e coloratissimi suq si alternano a centri commerciali di gusto occidentale.

 

Il Museo Egizio di Piazza Tahrir

È una delle perle della città e, assieme alle Piramidi di Giza, vale il viaggio. Fondato nel 1858 dall’egittologo francese Mariette ed insediato in un edificio in stile neoclassico del 1902, il museo, con i suoi 120 mila reperti, ospita la più importante collezione di reperti della civiltà egizia esistente. I reperti di maggior pregio sono costituiti dal tesoro della tomba di Tutankhamon e la sala delle mummie che contiene 27 mummie di epoca antica ancora ben conservate. Sculture, sarcofagi, vasi funerari, statue ed inscrizioni su papiri, amuleti, gioielli e oggetti di uso quotidiano di una bellezza raffinata ed a volte struggente, fanno di questo museo uno scrigno prezioso fra i più rari al mondo.
Si trova a Tahrir Square, aperto dalle 9 alle 19
http://en.egypt.travel/attraction/index/the-egyptian-museum

La torre de Il Cairo

Vale la pena salire su questa torre per uno straordinario sguardo panoramico sulla grande metropoli, i grattacieli, il Nilo, le piramidi ed il deserto. Situata nell’isola di Gezira ed alta 187 metri, fu costruita nel 1961 ed ha una forma che ricorda il fiore di loto ed è la quarta torre più alta al mondo. Il momento migliore per godersi il panorama è al tramonto, quando migliaia di luci accendono la metropoli, seduti al ristorante girevole dove in circa un’ora è possibile avere uno sguardo a 360 gradi sull’intera città.
Si trova nel quartiere Zamalek, aperto dalle 9.00 alle 1.00
http://www.cairotower.net/

La cena su un battello navigando sul Nilo

Non si può lasciare Il Cairo senza avere cenato cullati dalle acque del Nilo a bordo di un elegante battello dall’atmosfera retrò. Lungo le sponde del fiume navigabile più lungo al mondo si rispecchia la città delle luci e la cucina tipica viene spesso accompagnata da musica e balli folkloristici.
Maxim è una delle più eleganti dinner cruise boat di a Il Cairo ed offre un ottimo servizio di ristorazione ed intrattenimento.
http://www.maximrestaurants.com/restaurant4.php

Cairo antica

Si trova a sud ed è la parte più antica e suggestiva della Città, chiamata anche quartiere copto, nel cuore della antica Babilonia romana. Ha un fascino misterioso e senza tempo il dedalo di stradine e vicoli stretti a volte coperti che ti porta in pochi minuti indietro di 1000 anni. La Chiesa Ortodossa Copta – che poggia le fondamenta sulla chiesa fondata dall’Apostolo San Marco nel 42 a.c. – è la più antica chiesa cristiana esistente. Tra gli edifici più interessanti da visitare la Chiesa grecoortodossa di San Giorgio, a pianta circolare, ed ancora la Sinagoga di Ben Ezra. la più antica sinagoga del Cairo, per tradizione associata al profeta Geremia ed ancora la Moschea di Amr, che prende nome dal suo costruttore, il generale arabo Amr ibn el-As il quale conquistò il Cairo nel 640 e diffuse l’Islam in Egitto.
https://pt.wikipedia.org/wiki/Cairo_Copta

Le Piramidi di Giza

Sono il mito del culto egizio. Quando le vedete da vicino non pensate che potessero essere così imponenti e vi chiedete: come hanno fatto? Sorgono a Giza, a 25 km dal centro de Il Cairo, e comprendono un complesso funerario costituito dalle 3 piramidi ci Cheope, Chefren e Micerino, custodite dalla bella e misteriosa Sfinge, con lo sguardo fisso verso il sorgere del sole. La costruzione della necropoli avvenne attorno al XXVIII secolo a.C e la Piramide di Cheope era considerata dagli antichi una delle sette meraviglie del mondo ed è l’unica sopravvissuta nel tempo. Suggestive da visitare all’alba, quando ancora non ci sono molti turisti ed i primi raggi del sole ne illuminano le estremità, ma anche dopo il tramonto, con lo lo spettacolo Suoni e Luci, imperdibile durante un soggiorno a Il Cairo.
https://it.wikipedia.org/wiki/Necropoli_di_Giza

La cittadella di Saladino

La cittadella fortificata venne costruita nel 1176 d.C. da Salah El-Din per difendere la città dalla minaccia dei crociati e fu la sede governativa in Egitto per 700 anni.
La cinta muraria racchiude tre moschee: quella del sultano Hassan, una delle moschee monumentali più famose e belle del Cairo, costruita tra il 1356 e il 1363. La moschea di Al Rifai invece fu costruita da una donna, la principessa Khoshiar Hanem, e fu terminata nel 1912. Al suo interno si trova la tomba della famiglia reale d’Egitto.
La moschea Mohammed Alì, detta anche di Alabastro, venne costruita nel 1830, ed il suo profilo è una delle forme caratteristiche dominanti sull’intera Cairo. E’ opera dell’architetto greco Youssef Bochna ed è ispirata alla moschea di Santa Sofia ad Istanbul. Caratterizzata da una gran quantità di alabastro, la moschea all’interno è molto suggestiva, illuminata dalla luce di imponenti lampadari concentrici di cristallo impolverati ma da un fascino dle tutto particolare.
La Cittadella comprende anche il Museo Nazionale Militare, con una nutrita schiera di uniformi e armi di antica data, il Museo della Polizia, e vari altri musei dedicati al Palazzo di Muhammed Ali.
Dal piazzale della Moschea di Mohammed Alì si gode una vista spettacolare su Il Cairo, con i suoi numerosi minareti e sullo sfondo il profilo delle Piramidi di Giza.
Aperta tutti i giorni dalle 9.00 alle 17.00 esclusi sabato e domenica
https://it.wikipedia.org/wiki/Cittadella_del_Cairo

Un tuffo nell’acquario più profondo

Dopo una visita di qualche giorno alla città dai mille minareti vale la pena di volare nella punta meridionale della penisola del Sinai (poco meno di un’ora) e tuffarsi nelle acque blu di Sharm el Sheikh, dove si trova una splendida barriera corallina – la seconda più grande al mondo dopo quella australiana – con scenari subacquei di grande bellezza ed una temperatura dell’acqua piacevole per le immersioni. Sharm gode di un clima caldo secco tutto l’anno, offre alberghi confortevoli ed è meta indiscussa per gli amanti degli sport acquatici, snorkeling , diving, canottaggio e windsurf. Per chi pratica il diving non può mancare un tuffo nel Blue Hole – uno dei tre esistenti al mondo – a Dahab. Uno straordinario scenario sottomarino unico al mondo con una voragine calcarea circolare dove è possibile fare delle immersioni tecniche ed ammirare pareti ricche di stalattiti e formazioni rocciose dalle forme più bizzarre, habitat ideale per i coralli e i microorganismi.
http://www.dahab.it/

 

Dormire a Il Cairo
Fairmont Heliopolis Hotel
http://hotel-rn.com/hw/a260531/index.htm?lbl=ggl

Dormire a Sharm el Sheikh
Savoy resort
http://www.savoy-sharm.com/

Volare in Egitto con la compagnia di bandiera
http://www.egyptair.com/it/Book/Pagine/book-flight.aspx?gclid=CJjCxZ7Ekc4CFRYTGwodOGwCCw

Stampa