Stati Uniti in South Dakota, un viaggio alla scoperta della cultura della tribù indiana

Volete sapere dove andare e cosa vedere nel South Dakota? Per scoprire la cultura degli indiani d’America, questa è la destinazione dei sogni

Stampa

Se state programmando un viaggio negli Stati Uniti d’America, potete considerare di esplorare un itinerario diverso dal solito per scoprire la cultura dei nativi d’America!

Il South Dakota è presente nella nostra memoria quasi come una leggenda.
In realtà sappiamo bene che esiste ed è una terra bellissima.
E’  formato da 66 contee, costituite dalle tribù Lakota, Nakota e Dakota, a formare la nazione Sioux.
Questo stato è un insieme armonico di varietà; infatti dal clima al paesaggio, alla storia alle tradizioni, vi si può trovare di tutto.

UNA TERRA STORICA

Insieme allo stato del Dakota del Nord, era parte del Territorio del Dakota.
Dal 2 novembre 1889, fanno parte separatamente degli Stati Uniti d’America.

Queste terre erano popolate da almeno 7.000 anni, ma dall’arrivo degli europei, come la storia ci ha insegnato, la popolazione è stata sempre oggetto di guerre.
E’ bene ricordare quel che avvenne nel 1890, una battaglia sanguinosa, definita massacro di Wounded Knee, nella quale infatti persero la vita più di 300 nativi.

Le corse all’oro iniziarono nel lontano 1875 nelle Colline Nere, dove nacque il primo centro minerario. Il fascino di quell’epoca è ancora presente ai giorni nostri, infatti questo luogo è un continuo richiamo di turisti curiosi di rivivere quei tempi. E’ possibile visitare nel cimitero cittadino, Mount Moriah Cemetery, le tombe di alcuni personaggi famosi del Far West che spesso hanno ispirato libri e film come per esempio Calamity Jean o Wild Bill Hickok.

LA SACRALITA’ DELLA NATURA

Il paesaggio naturale presente in questa landa è magnifica.
Molte delle tribù americane credono che la loro nascita dipenda dalla catena montuosa Black Hills. Su queste imponenti montagne si trova il Mount Rushmore National Memorial, da tutti conosciuto, dove sono presenti le enormi sculture dei volti di quattro presidenti degli Stati Uniti, George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosvelt, Abrahm Lincoln.
Inoltre qui è possibile fotografare il monumento granitico dedicato a Crazy Horse, grande guerriero e leader Lakota. Una volta all’anno si svolge una marcia di 10 km, momento tradizionale che dà la possibilità di toccare il mento del Cavallo Pazzo.

Un’altra montagna importante per i nativi si trova in uno dei parchi protetti del South Dakota è il Bear Butte, ed è il luogo dove vengono celebrate tutt’oggi le cerimonie religiose dagli indiani.
Per i turisti è possibile fare delle escursioni su questa montagna sacra, passando prima per il centro visitatori, per avere un’istruzione sulle regole necessarie per avere un comportamento corretto data la sacralità del luogo.

Il bisonte è tra gli animali sacri di questa terra, la tribù dipendeva da loro per abbigliamento e nutrimento.
Infatti questo animale è legato ad una leggenda, la quale narra che il Grande Spirito assunse questa forma animalesca per nutrire la propria tribù che moriva di fame.
Esistono mandrie di allevamenti ed insieme alla cornice naturale del South Dakota è in perfetta armonia. E’ possibile anche fare visita ad alcuni allevamenti, ed ammirare la statua che Kevin Costner ha dedicato appunto ai bisonti dopo aver girato il film Balla coi lupi.

CULTURA E TRADIZIONI

Oltre ad apprezzare la natura di questo luogo, il South Dakota si può apprezzare fino in fondo conoscendo le radici di questo popolo.
In tutto lo stato è possibile visitare gallerie, musei e attrazioni per vivere o rivivere le esperienze della tribù.

Uno dei musei che raccoglie una delle collezioni migliori di oggetti ed opere d’arte per mano dei Lakota è l’Akta Lakota Museum di Chamberlain, come i tepee, rappresentazioni dei bisonti, abiti tradizionali ed oggetti d’artigianato.

Un luogo imperdibile è il Missouri River, il cui nome sicuramente non vi giunge nuovo.
E’ possibile ammirare il panorama che fa da cornice alla tomba di Toro Seduto, famoso capo indiano, soffermandosi un momento a percepire la spiritualità presente nel luogo.

Durante i mesi estivi è possibile vedere la celebrazione Powwow che significa leader spirituale. E’ un evento che può durare anche alcuni giorni, dedicato ai nativi d’America. Le danze, tradizionalmente in costume, sono divise per categorie, sesso, età, tipo di danza, ed il significato è sempre simbolico, come per esempio girare in cerchio in senso orario, come il cerchio della vita.

Stampa