fbpx

Tangeri, città di cultura candidata a divenire patrimonio UNESCO

Stampa

Città dall’antica storia, luogo di cultura e di ricchezza artistica grazie alle innumerevoli influenze diverse che l’hanno resa unica

Tangeri, città antica del Marocco e dalla lunga storia che la vide conquista delle più grandi civiltà, molto spesso contesa per la sua posizione strategica di porto prossimo all’accesso al Mediterraneo (è sullo stretto di Gibilterra), fu anche luogo di cultura e di sviluppo di arte per il susseguirsi di moltissime influenze diverse. Dai fenici ai romani, dai bizantini agli arabi, sino all’Inghilterra.

Questa sua realtà molto particolare, anche per il suo status in passato recente di “zona franca”, garantendo un grande sviluppo socio-economico, la porta oggi alla richiesta di essere annessa nell’elenco dei siti sotto tutela UNESCO. I luoghi ed i monumenti di pregio di Tangeri sono tantissimi, ecco i più importanti.

Musei
Il Museo delle Antichità custodisce tra gli altri oggetti di pregio, anche dei mosaici unici al mondo e statue bronzee di inestimabile valore. Il Museo dell’Ambasciata Americana, noto anche come museo della Légation des Etats-Unis, ha una collezione di esemplari dell’arte del XVII secolo, il Museo Forbes è invece orientato a tutto quanto riguarda reperti di varie guerre e battaglie con una collezione di 115mila soldatini d’epoca. Il Museo di Arte Marocchina è invece custode di tutto l’artigianato come tessuti, gioielli e prodotti creati in ottone, rame ed anche in pelle.

Luoghi di interesse
Caratteristica di Tangeri è la sua tortuosa medina ma il Petit Socco ed il Grand Socco vi fanno apprezzare e comprendere la vita di questo luogo. Queste due piazze sono il luogo di incontro della città. Piccoli caffè e terrazze dove poter sostare e vedere lo scorrere della quotidianità bevendo del tè sono estremamente caratteristici e simbolo di Tangeri. Da visitare assolutamente il Palazzo del Sultano, Dar El Makhzen, con i suoi magnifici giardini influenzati dal dominio spagnolo.

Per i paesaggi naturali, da non mancare, le Grotte d’Ercole, dove la mitologia si perde nella notte dei tempi. Dimora del dio per combattere i pirati o uno dei limiti legati alla fine del mondo nel mito greco? Sono comunque luoghi dove il mare e la roccia si sono uniti e mescolati in modo unico.

La città moderna
Da non dimenticare anche le nuove costruzioni grazie ad un esuberante centro d’affari con edifici moderni e dall’architettura all’avanguardia. Il porto è anche un fiore all’occhiello per aver avuto la certificazione “EcoPort” per una gestione sostenibile legata a tutte le attività marittime in loco.

E poi molte sono le spiagge oggi rivalutate e predisposte anche per il turismo più esigente.

Per ulteriori informazioni | www.visitmorocco.com

Stampa