In vacanza a Rodi: l’isola di Apollo tra mare e cultura

Stampa

L’isola di Rodi, in Grecia, ha origini molto antiche e della sua importanza dal punto di vista strategico se ne parla sin dalla preistoria.
Si tratta di uno dei centri artistici e culturali più importante di tutta la penisola e pare che persino il dio Apollo, rimasto ammaliato dalla bellezza delle sue spiagge immacolate, la pretese in dono da Zeus.

Quando andare a Rodi

Il clima dell’isola di Rodi è particolarmente favorevole e garantisce una lunga stagione balneare da maggio fino ad ottobre.
Nonostante il torrido caldo estivo, le temperature sono però mitigate dal Meltemi, un vento fresco che soffia da nord-est, rendendo inoltre alcuni lidi dell’isola perfetti anche per il wind-surf.
Esso favorisce altresì lo sfruttamente dell’energia eolica ricavata dai mulini a vento le cui sagome caratterizzano i profili di Rodi.

Come raggiungere Rodi

L’isola di Rodi è una delle più remote dell’Egeo, poco distante dalle coste della Turchia e per questa ragione ipotizzare di arrivarci in traghetto risulta piuttosto dispendioso sia dal punto di vista economico che del tempo perso a bordo.
Molto meglio dunque optare per un volo aereo, con l’idea poi di noleggiare un auto in loco per moversi liberamente tra le bellezze del territorio.
Le costa si sviluppa lungo un perimetro complessivo di 180km e anche nella stagione più caotica non sarà difficile scovare qualche baia tranquilla in cui rilassarsi.

Cosa vedere a Rodi

La città principale dell’isola è Rodos il cui centro storico è stato iscritto nella lista dei siti Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.
Mura imponenti racchiudono la Città Vecchia entro cui si snodano stradine strette, molto suggestive, con i tradizionali edifici bianchi, i pergolati e gli scorci dal sapore medievale.
Da vedere assolutamente il Palazzo del Grande Maestro nonchè l’infinita serie di musei ivi ospitati come il Museo d’Arte decorativa, il Museo Archeologico e il Museo Bizantino.

Altre località da visitare sono: Lindos, celebre per l’acropoli e per la sua spiaggia spettacolare, i castelli di Kritinia e Monolithos e l’antica Kamiros.

Tra i litorali più belli dell’isola di Rodi vanno citati:
Faliraki, fra i migliori e più frequentati con un’estensione di 5km. Questa spiaggia è attrezzata per qualsiasi tipo di necessità e servizio, dal noleggio di attrezzature per gli sport acquatici a ristoranti, bar e negozi.
Ladiko, una spiaggia circondata da una fitta vegetazione tanto che gli alberi, riflettendosi in mare, regalano all’acqua un bel colore verde intenso.
Kalithea, in cui il lido si frammenta in una serie di calette e insenature naturali sia di sabbia che di ciottoli. La peculiarità di questa zona è di essere ricca di sorgenti di acqua calda, fonti che hanno dato origine alle terme restaurate in questi ultimi anni.

 

Stampa