A Verona dal 15 ottobre al 17 marzo 2017 una mostra dedicata a Picasso indaga la rappresentazione del corpo del maestro spagnolo dal cubismo agli anni del dopoguerra.

Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

Si chiama “Picasso. Figure (1906-1971)” ed è ospitata all’AMO Arena Museo Opera di Verona, la nuova esposizione dedicata al genio di Pablo Picasso: 90 opere selezionate tra i suoi capolavori per ripercorrere la vita di uno dei più grandi artisti del secolo scorso.

Attraverso opere di pittura, scultura e arti grafiche concesse in prestito dal Musée National Picasso di Parigi, la mostra di Verona racconta la metamorfosi a cui Picasso sottopone la rappresentazione del corpo umano: nell’arco temporale della sua produzione, dal 1906 agli inizi degli anni Settanta, l’artista viene influenzato dalle fasi che man mano vive e riflette nella sua arte.
Dal pre-cubismo, Cubismo, età Classica, Surrealismo, fino al primo dopoguerra, quando ha origine la ricerca di un nuovo primitivismo attraverso il disegno infantile, le fonti preistoriche e quel desiderio di liberarsi dalle forme.

Tra foto e filmati d’epoca, alla mostra “Picasso. Figure (1906-1971)” si ripercorre il vissuto di Picasso nel suo processo creativo attraverso 6 sezioni e 90 opere selezionate tra i suoi capolavori, tra cui possiamo ammirare Nudo seduto, Il Bacio, La Femme qui pleure.

 

Info

“Picasso. Figure (1906-1971)”

15 ottobre 2016 – 17 marzo 2017
AMO Arena Museo Opera di Verona
+39 045 853771
mar-dom 9.30-19-30
lun 14.30-19-30
www.mostrapicassoverona.it

Stampa