A Govone, la 12^ edizione de Il Magico Paese di Natale

Stampa

Un mondo fiabesco in un castello  dove, tra colori e musica, si incontrano personaggi magici sino a Santa Claus.  È proprio un magico paese quello ambientato nel castello di Govone nelle colline Langhe-Roero tra Asti e Alba. L’allora residenza della casa reale dei Savoia,  patrimonio Unesco, ospita la 12° edizione del “Il Magico Paese di Natale”.

Ogni fine settimana sino al 23 dicembre, un’atmosfera magica dedicata alle famiglie con bambini, ma anche agli amanti del cibo e del vino, con le oltre cento casette in legno lungo le vie del centro storico del paese cuneese con  specialità gastronomiche e artigianali italiane.
Il tema dell’edizione 2018 è l’incantesimo, tra sogno e realtà con la nuova commedia musicale che conduce il pubblico a scoprire com’è nato Santa Claus. Lo spettacolo messo in scena dal regista Vincenzo Santagata e interpretato da un gruppo di attori professionisti va in scena  dal vivo, durante i weekend, ben 32 volte al giorno, ogni 15 minuti.
All’esterno, gli spettacoli itineranti del Teatro Pop Up svelano i “segreti del Natale” ispirandosi a “Vita e avventure di Babbo Natale”, romanzo di L. Frank Baum autore de“Il Meraviglioso Mago di Oz”. Il Magico Paese di Natale, lo scorso anno, ha visto la presenza di oltre 200 mila persone  e per l’anno europeo del patrimonio culturale è stato selezionato tra gli eventi che celebrano il patrimonio culturale dell’intero continente.
La manifestazione nata dall’Associazione Culturale Generazione come mostra di opere d’arte sacra ed esposizione per piccoli artigiani locali, nel corso degli anni è diventato uno tra i primi mercatini per qualità di tutta Italia.


E’ possibile  visitare il Castello Reale di Govone, dimora sabauda con sale affrescate dove si svolge la mostra di arte sacra e presepiale che presenta l’opera di artisti provenienti da diverse tradizioni e da varie zone d’Italia.
Per una sosta gastronomica, vi sono diversi ristoranti che propongono le tipicità locali utilizzando le numerose materie prime come tartufo, formaggi, la nota fassona, nocciole e cioccolata. 

Il centro ristorante in Priocca della famiglia Cordero
La scuderia del castello a Govone
L’agriturismo cascina Roero a Govone
L’antica locanda san Pietro a San Pietro di Govone
Per piatti rivisitati come i plin con riduzione di cipolla, a Revà Monforte d’Alba, località San Sebastiano dove lo chef Paolo Meneguz sposa la filosofia della sostenibilità e della territorialità.

Per il pernottamento La collina degli Elfi a Govone via Craviano 45, ex monastero per sostenere l’associazione che regala la serenità smarrita con un progetto dedicato alle famiglie di bambini malati di cancro che hanno ultimato le loro terapie.

Per info: www.villaggiobabbonatale.it

Stampa