Un modo per conservare i peperoni e averli già pronti nel momento del bisogno, questa ricetta è l’ideale con delle tartine e crostini o in abbinamento a dei formaggi stagionati.

Stampa

Una marmellata dolce ma allo stesso tempo salata, un modo diverso per conservare i peperoni e utilizzarli anche dopo qualche mese. Servita assieme a dei formaggi invecchiati andrà ad accentuare il loro gusto forte, smorzandone però gli aspetti troppo invadenti di questi, un abbinamento perfetto in ogni stagione!

Marmellata di peperoni rossi

Ingredienti:
2 peperoni rossi
3 pomodori maturi
2 spicchi aglio
½ cipolla rossa
100 ml aceto di mele
200 gr zucchero di canna
½ limone
Sale q.b.
Pepe q.b.

Preparazione:
Lavate i peperoni e togliete i semi, il picciolo e le parti bianche all’interno, poi tagliateli in tanti pezzettini piccoli e regolari. Dopo aver lavato i pomodori buttateli per qualche secondo in una pentola d’acqua bollente, dopodiché togliete la buccia, privateli dei semi e tagliate anch’essi a pezzettoni.
Pelate gli spicchi d’aglio e tagliateli a fettine molto sottili, poi mettete sul fuoco una padella con un filo d’olio. Mettete l’aglio e la cipolla tagliati finemente, poi aggiungete anche i cubetti di peperoni e i pomodori. Aggiungete il succo di mezzo limone, l’aceto di mele e lo zucchero di canna e fate cuocere a fuoco medio con il coperchio.
Infine salate e pepate a piacimento e abbassate il fuoco, lasciate andare per circa 1 ora e mezza fino a che raggiungerà la consistenza di una composta, assaggiate per vedere se tutti gli ingredienti sono equilibrati e nel caso aggiungete ciò che manca.
Una volta cotta la marmellata trasferitela nei vasetti e lasciatela raffreddare al loro interno, poi chiudeteli in modo ermetico e fateli sobbollire per sterilizzarli e far sì che la vostra composta duri per diverso tempo.
A questo punto potrete utilizzare i vostri peperoni per le ricette dell’ultimo minuto o per quando arrivano amici inaspettati e non sapete cosa offrire, con un po’ di pane o qualche grissino vedrete che il gioco è fatto!

Stampa