Pasta con il miele, una ricetta del XVIII secolo

Stampa

Ecco la nostra ricetta per una pasta elegante ma diversa dal solito, per stupire e saziare i vostri ospiti. Sana e piena di proprietà nutritive, la pasta al miele ha attraversato i secoli

Chi l’ha detto che il dolce e il salato non vanno a nozze? Usare il miele in cucina non è mai stato così divertente e lo sapevano anche i nostri antenati. Infatti nel 1700 la pasta si era soliti cucinarla come oggi ve la proponiamo. Ecco quindi una ricetta strana e curiosa per il nostro ricettario.
La preparazione della pasta al miele può avere riscontri negativi se la si dà per scontata quindi, seguite alla lettera le indicazioni e vedrete che creerete un capolavoro!

Cosa vi serve per 4 porzioni:

500 gr di pasta ( ottime le mezze maniche o le pennette lisce)
175 gr di miele
20 gr di zucchero
80 gr di pecorino
sale qb
2 tazzine di pangrattato

Preparazione:
cucinate la pasta da voi scelta nell’acqua calda e il sale (come fate solitamente). Nel mentre, sciogliere a bagno maria lo zucchero con il miele e metterlo da parte.
Nel piatto da portata, mettere il pangrattato e il pecorino grattato e sopra a tutto la pasta scolata. Prima di mischiare il tutto unire il composto di miele e zucchero. Mescolate bene e omogeneamente il tutto e serviteli caldi.

Consigli:
a chi piace il piccante, consigliamo di usare una spruzzata leggera di polvere di peperoncino. Se volete potete aggiungerci anche qualche pezzettino di noce qua e là.

Eleganti e saziabili, la pasta al miele vi addolcirà il palato.

Stampa