Itinerario in Croazia, scopriamo le isole Quarnerine

Quattro isole bellissime, alcune un po’ selvagge che offrono mare, spiagge natura ed ospitalità informale per una vacanza all’insegna della semplicità

Stampa

Nella Croazia del nord sono situate le isole più grandi dell’Adriatico, le Quarnerine, luoghi affascinanti, considerate geograficamente parte del territorio italiano, sono posti dove trovare natura e spiagge, mare e relax per una vacanza o semplicemente un fine settimana estivo. L’isola di Krk o Veglia, Cres o Cherso, Lussino o Lusinj e Arbe o Rab offrono diverse possibilità di turismo, da quello per le famiglie a chi invece preferisce una vacanza più dinamica e all’insegna del divertimento oppure ricerca mare e relax.

Veglia (Krk)
Delle isole Quarnerine, Veglia è la più vicina alla terra ferma, è infatti semplicemente collegata con un ponte e con Cherso condivide l’essere l’isola più grande dell’Adriatico. Conquistata dai Romani, subì poi le dominazioni delle Repubblica veneta e poi degli Asburgo come il resto della Croazia. Luogo prettamente collinare, è ricca così di ulivi e vigne che vengono abitualmente coltivati. Sul suo territorio sono altresì presenti due laghi e un clima mediterraneo che permette un turismo di mare per un lunghissimo periodo durante l’anno. E’ un luogo tranquillo dove le poche attrazioni sono la Grotta di Biserujka con stallatiti e stalagmiti in questa apertura sotterranea, alcuni reperti romani, la cattedrale e un monastero francescano. Perfetto per famiglie e per chi cerca tranquillità.

Cherso (Cres)
Al contrario di Veglia, vi sono maggiori alture, soprattutto nella parte nord disabitata che affaccia sul Golfo di Fiume e che ha un ripida costa a strapiombo sul mare. Da qui si possono ammirare le altre isole Quarnerine e effettuare camminate o praticare trekking o effettuare percorsi in bicicletta. La parte sud è dove si concentra il turismo da mare, in piccoli borghi e cittadine dove l’accoglienza è estremamente famigliare.

Lussino (Lusinj)
Originariamente collegata fisicamente a Cherso, venne scavato al tempo dei romani il canale che oggi divide le due isole che rimangono collegate da un ponte mobile. Piccola e molta graziosa è un luogo dove piccoli insiemi di case, quasi tutte sulla costa e le strutture di ricezione turistica familiare riempiono il panorama. Vicinissima a Venezia che ha con la Croazia collegamenti marittimi quotidiani.

Arbe (Rab)
E’ l’isola con maggiore vocazione turistica di alto livello delle Quarnerine. Tra le strutture ricettive vi sono hotel di lusso, alcuni in stile neoclassico realizzati a fine ‘800 che ancora oggi mantengono un aura di regalità come residuo dell’impero asburgico. Belle spiagge di sabbia e acqua cristallina ancora oggi sono l’attrazione principale dell’isola. Rimangono sempre molte altre strutture per tutti i gusti, da case vacanze a campeggi per chi ama una vacanza più “selvaggia”.

Stampa