Lago di Costanza: l’estate a colori nel cuore dell’Europa

Stampa

Un universo blu, è la Regione Internazionale del Lago di Costanza (Bodensee), dove la vacanza si trasforma in un percorso sensoriale “unico”.

Apparentemente uniforme, i quattro Paesi – Germania, Svizzera, Austria, Lichtenstein, condividono il bacino del Lago di Costanza e le acque del fiume Reno –, questo “variegato microcosmo” è in grado di esprimere le peculiarità di ogni singolo paese, a beneficio di tutti. Merito di un abile gioco di squadra, finalizzato a garantire il benessere del turista e il piacere della vacanza, con esperienze indimenticabili.

Come la crociera gourmet sul battello a vapore Hohentwiel (1913), uno splendido gioiello d’epoca con pavimenti in legno tirati a lucido, magnifici saloni e potenti turbine, che alla dolcezza della navigazione associa la bellezza e la varietà del paesaggio, modulato tra colline e vitigni.

Fiore all’occhiello di Bregenz, dove si svolge il celebre Festival Operistico, è lo straordinario palcoscenico galleggiante del teatro all’aperto, che moltiplica l’incanto del lago. Realizzato con il contributo di artisti e volontari, l’allestimento di ogni opera dura mesi e ha costi elevati, benché si trovino biglietti economici per le rappresentazioni infrasettimanali.

Ma la vera sorpresa di Bregenz è il Kormartplatz, moderno spazio urbano perfettamente inserito nel contesto cittadino, tra edifici barocchi e ristoranti di grido.
A Meersburg, deliziosa cittadina medievale, l’inconfondibile stile architettonico delle case a graticcio e il castello turrito sulla sommità del colle, richiamano migliaia di turisti. Sul Castello, di proprietà privata, aleggia il mistero di un glorioso passato, come testimoniano le varie armature, mobili e utensili, destinati esclusivamente alla nobiltà.
Più recente, ma non per questo meno epica, la storia del Principato del Liechtenstein, racchiuso tra Austria e Svizzera, va di pari passo con la nascita della monarchia, che nel 2019 festeggia i 300 anni. Pur godendo di alcuni privilegi (non ultimo il diritto di veto nella promulgazione delle leggi), la famiglia regnante è molto apprezzata per lo stile sobrio e informale, come abbiamo potuto osservare nell’incontro fugace con il principe Giovanni Adamo II. Vaduz, capitale del Principato, offre architetture moderne, caffè eleganti, musei e negozi prestigiosi, ma a rappresentare la frontiera digitale è la nuova app e il Sentiero “LiechtensteinWeg”, inaugurato a fine maggio.

Il legame con la nobiltà europea è presente anche nell’Isola di Mainau, splendido giardino fiorito appartenente agli eredi del conte svedese Lennart Bernadotte. Gestito come un’impresa, sono ben 300 gli addetti alla manutenzione, il parco rappresenta il trionfo della natura, cangiante a seconda della stagioni.
Costanza, infine, è l’emblema del prestigio e dell’internazionalità del lago, che qui offre scorci meravigliosi e l’opportunità di praticare molte attività sportive. All’ingresso del porto, la gigantesca statua della cortigiana Imperia, che tiene nelle mani rispettivamente l’imperatore e il Papa ignudi, ricorda il potere e la debolezza dell’uomo. Imperdibile, la festa notturna sul lago (secondo sabato d’agosto), con mirabolanti fuochi d’artificio e attrazioni per tutta la famiglia.

Come arrivare:
Dalla stazione stazione di Milano Centrale Trenitalia e Ferrovie Federali Svizzere offrono collegamenti giornalieri per Zurigo, della durata di 3 ore e 25 minuti (ETR 610), prenotabili su www.trenitalia.com. La regione internazionale del Lago di Costanza è inoltre facilmente raggiungibile dall’Italia in automobile, o in autobus e in aereo.
Dimenticando la macchina per qualche giorno, l’eccellente rete di trasporti del Bodensee, garantisce la facilità dei collegamenti e la vacanza sicura.

www.bodensee.eu/it

Stampa