La spiaggia di Porto Caleri, in Veneto ed il Giardino Botanico

Stampa

La spiaggia di Porto Caleri e il Giardino botanico litoraneo del Veneto si trovano a sud di Rosolina Mare, in provincia di Rovigo, nella zona protetta del Parco Regionale del Delta del PO.

Una spiaggia libera, selvaggia ed incontaminata, con dune naturali e senza traccia di sdrai ed ombrelloni? Sembra quasi un sogno, ma in Veneto esiste davvero.

Quando le acque del fiume incontrano il mare, creano un ambiente naturale unico nel suo genere, dove si possono trascorrere diverse ore passeggiando tra le dune allo stato selvaggio, sull’ampia battigia a sfioro dell’acqua, addentrandosi tra i sentieri nella pinete ammirando specie rare di uccelli che vi nidificano.
Un luogo per rigenerarsi e ritrovare il contatto con la natura e con se stessi.

Una grande spiaggia incontaminata

La di spiaggia di Rosolina- Porto Caleri è una sottile striscia di dune formatasi tra la foce del fiume Adige ed il Po di Levante, separata dalla terraferma di Rosolina e dall’isola di Albarella da sacche, lagune e barene.

Questa oasi naturalistica è un tratto di spiaggia lungo circa sei chilometri e composto da sabbia chiara e molto fine. Si trova lontano dalla spiaggia attrezzata con gli ombrelloni e vi si arriva con una passeggiata di un’ora circa, attraversando una splendida pineta ed un tratto di dune di sabbia ricche di macchia mediterranea. 

La spiaggia è completamente selvaggia e fortunatamente, facendo parte del Parco Naturale del Delta del Po, è ampiamente tutelata e mantenuta allo stato naturale. Particolarmente scenografici, belli da ammirare e fotografare e sono i tronchi ed i rami secchi depositati sulla battigia dalle acque dei fiumi, a volte delle vere e proprie sculture, ma anche le dune sabbiose e la luce che trasforma i colori nelle ore dell’alba o del tramonto.

Il giardino botanico litoraneo di Porto Caleri

Lungo il percorso per arrivare alla spiaggia di Porto Caleri si incontra anche il cancello di ingresso per visitare il Giardino Botanico

La riserva naturale del Giardino botanico litoraneo del Veneto è costituita una vasta area che si estende per 24 ettari, è stata istituita a giugno del 1991 e fa parte del Parco Regionale del Delta del Po

Durante la visita, con un percorso attraverso sentieri e passerelle di legno sopraelevate, si possono ammirare i 5 habitat che la caratterizzano: la pineta, la boscaglia, zone umide d’acqua dolce, dune di sabbia e zone umide d’acqua salmastra. Un ecosistema dove si trovano 220 diverse specie di vegetali, con la fioritura spettacolare in primavera delle orchidee spontanee.

Dal Giardino Botanico si snodano tre sentieri pedonali che portano direttamente alla spiaggia libera di Porto Caleri, dove si può passeggiare anche in compagnia dei cani, sostare per un pic-nic o semplicemente riposarsi, ammirando la bellezza dell’ambiente circostante. 

La spiaggia è molto vasta e fortunatamente non è mai troppo affollata nemmeno d’estate. Uno dei periodi migliori per andarci e trascorrere del tempo rilassante e piacevole è sicuramente l’inverno, quando il sole è basso ed il riflesso sul mare è particolarmente suggestivo.

3 percorsi per la visita del Giardino Botanico

Se si sceglie di visitare il Giardino Litoraneo di Porto Caleri, è necessario procurarsi il biglietto per l’entrata. Questo darà la possibilità di effettuare dei percorsi dove, in corrispondenza dei vari ambienti, si trovano i cartelli con  descritte le varie specie vegetali ed animali che li caratterizzano.

I diversi percorsi da esplorare sono tre:

  1. Percorso giallo, lungo 600 mt , che si addentra nella pineta
  2. Percorso rosso, lungo 1700 mt circa, che interessa la pineta, piccoli boschi e aree più umide caratterizzate dalla presenza di stagni d’acqua dolce, percorrendo alcuni tratti su passerelle di legno e sopraelevate. 
  3. Percorso blu, il più suggestivo, il più lungo ed anche l’unico a cui si può accedere senza pagare il biglietto. Si estende per tre chilometri, dalla pineta fino alla battigia per arrivare – percorrendo una scenografica passerella in legno – a camminare in sospensione sulla Laguna, proprio al confine tra il mare Adriatico e la Laguna Veneta.

Informazioni per la visita

Per ulteriori informazioni sul periodo di apertura, sugli orari e sul costo della visita al Giardino Botanico Litoraneo di Porto Caleri consultare il sito ufficiale del Parco Naturale Regionale  del Delta del Po

Una curiosità:  il Gin Caleri

A Rosolina Mare, nei pressi della pineta, c’è un locale, bar caffetteria Il Gattaccio, diventato da qualche anno meta immancabile per gli appassionati di Gin. Dalle bacche verdi di ginepro selvatico che crescono sulle dune,  Enrico Crivellari e Silvana Marangon ricavano un gin d’eccellenza che ha tutto il profumo del selvatico e di mare.
Per gli intenditori, una specialità riconosciuta ed apprezzata in tutto il mondo.

Come si raggiunge la spiaggia di Porto Caleri

Rosolina Mare si trova tra Chioggia e Rosolina. Si raggiunge in automobile percorrendo per 10 km una strada ben indicata che entra nel paese partendo dalla SS309 Romea. Il bivio ( è un cavalcavia ) dista da Ravenna direzione Venezia km 70, da Venezia direzione Ravenna km 60.

Arrivati a Rosolina Mare, seguendo le indicazioni per Porto Caleri, si raggiunge una strada che costeggia la laguna. La strada termina con un parcheggio dove si lascerà l’auto. Quindi si prosegue a piedi entrando nella pineta. Lungo gli ultimi chilometri di strada ci sono degli accessi alternativi per chi vuole passeggiare più a lungo tra gli alberi.

Stampa