Le tappe di un itinerario in Veneto attraverso i borghi e la bellezza della loro storia: il fascino della viette senza tempo, il profumo delle botteghe storiche e i mille angolini da immortalare in una foto colorata

Stampa

L’inestimabile patrimonio artistico-culturale del Veneto è indissolubilmente legato alla storia del suo territorio, più volte solcato da antichi invasori.
A difesa si costruivano borghi fortificati, castelli e mura, tuttora presenti e ben conservati.

Borghi in provincia di Padova e Treviso

Le splendide Este e Cittadella, in provincia di Padova, presentano imponenti mura del XII e XIII secolo, mentre Asolo, in provincia di Treviso, è un piccolo gioiello di arte, eleganza e stile.

Qui, meritano una visita il Castello, l’antichissima Cattedrale e la Rocca, dalla quale si gode una vista fantastica sui dintorni. Eletta città ideale e dimora di illustri personaggi, Asolo è inserita in un contesto di straordinaria bellezza punteggiato di piccoli borghi e dolci colline.

Borghi in provincia di Vicenza

Lungo la strada che da Asolo si snoda in direzione di Vicenza c’è Marostica, famosa in tutto il mondo per “la partita a scacchi a personaggi viventi”, che si svolge ogni due anni nella centralissima piazza su cui si affaccia il Castello Inferiore (XIV secolo).

Di grande impatto visivo è la cinta muraria lunga circa 1800 metri, che unisce i due castelli, il Castello Superiore ed il Castello Inferiore, raggiungibile in macchina o a piedi. Una delle delizie del territorio è proprio la ciliegia di Marostica IGP, la cui produzione è attestata fin dalla prima metà del ‘400.

Borghi da visitare in provincia di Verona

In provincia di Verona, Soave ospita il Castello Scaligero e le eleganti mura che proteggono il centro storico; ma il piccolo borgo è conosciuto soprattutto per il tipico vino che porta il suo nome.

Assolutamente imperdibile, poi, è la visita di Borghetto sul Mincio, frazione del Comune di Valeggio sul Mincio, pittoresco villaggio attraversato da mulini ad acqua e fortificazioni medievali. Considerato uno dei borghi più belli d’Italia, incanta i turisti con i suoi scorci, le cascatelle, le antiche case restaurate.
A circa 10 km dal Lago di Garda, Valeggio sul Mincio ospita la Rocca Scaligera, anche se la sua fama è legata ai celebri “tortellini” di pasta sottilissima e ripieni di carne, rigorosamente fatti a mano.

L’Antica Locanda Mincio, oltre ai classici tortelli, propone un menù che valorizza l’anguilla o il lavarello alla brace.

Dove mangiare e dove dormire

In tutto il territorio, cui fa da cornice un paesaggio molto variegato (coltivazioni, verdi colline, mare, montagne e vigneti) si possono gustare piatti della cucina veneta tradizionale, ma anche moderne e raffinate interpretazioni.

Situato all’interno delle mura di Montagnana a due passi dal centro, l’Hotel Ristorante Aldo Moro  è un ambiente elegante, che propone ricchi menù stagionali.

Per un’esperienza unica, il Ristorante La Terrazza dell’Albergo al Sole di Asolo, offre “una cucina innovativa, ma nel contempo in grado di esaltare i prodotti della tradizione locale e mediterranea” all’interno di una raffinata location situata nel cuore del borgo medievale, con vista panoramica (Tel. +39 0423 951332).

Altrettanto, l’Hotel Villa Cipriani, lussuoso cinque stelle con un magnifico giardino, offre 30 camere, divise tra la Villa e la Casa Giardino, tutte arredate con mobili in stile.

Restando in zona ci si può rilassare sul green dell’Asolo Golf Club, che ha un campo da golf con 27 buche, la Club House con il ristorante “28a Buca”, un centro benessere con sauna.

Come raggiungere la zona dei borghi veneti in auto

In Veneto, l’A4 attraversa i capoluoghi di Verona, Vicenza, Padova e Venezia.
L’ autostrada A13 collega Bologna a Padova passando per Ferrara e Rovigo.
La A22 (o autostrada del Brennero) è uno degli assi principali della rete autostradale italiana in quanto collega la Pianura Padana e l’autostrada A1 con l’Austria e la Germania.

Stampa