fbpx
Stampa

Itinerario romano a Pola, sulla punta dell’Istria: centro turistico e culturale della Croazia ricco di storia, a 100 km da Trieste

La meravigliosa città di Pola, nell’estrema punta meridionale dell’Istria, è un importantissimo centro turistico croato. Costruita all’interno di uno splendido fiordo, Pola è custode di leggende e storia, di dominazioni diverse e romanità, fra le strade di quella che un tempo si chiamava Repubblica Polensium.

Forse non tutti sanno che, dopo la Prima Guerra Mondiale, Pola fu persino parte dell’Italia, fino all’8 settembre 1943.
In seguito fu annessa alla Germania nazista, fino al termine del conflitto, quando fu conquistata dall’esercito di Tito.
Nel 1947 venne infine concessa alla Jugoslavia diventando poi, dal 1991, parte della Repubblica Croata.

Come arrivare a Pola

Pola dista circa 100 km da Trieste e dunque dal confine con l’Italia.
Il modo più semplice per raggiungerla è in auto, uscendo dall’Autostrada A4 a Fernetti ,in Slovenia , e proseguendo da qui seguendo le indicazioni per Kope, sulla A9.
L’alternativa è quella di arrivarci in nave, da Trieste, Venezia, o Ancona, a bordo di  traghetti ed aliscafi che in poche ore portano in varie  località istriane.

Cosa vedere a Pola

Il simbolo di Pola è sicuramente la sua Arena che, costruita in pietra bianchissima, domina maestosa la città.
Eretta più o meno negli stessi anni del più celebre Colosseo di Roma, è alta 32 metri ed era in grado di ospitare sino a 20 mila spettatori.
Inizialmente utilizzata per le lotte dei gladiatori e poi per i tornei cavallereschi, durante il Medioevo, l’Arena ospita oggi numerosi concerti e spettacoli teatrali, grazie alla sua ottima acustica.
Da non perdere anche il bellissimo Palazzo Municipale, concluso nel 1296 e che, in epoca veneziana, era dimora del Principe e del Provveditore.
Da notare sulla struttura le tracce dei vari rifacimenti che le conferiscono caratteri diversi, dal romanico al gotico sino al rinascimentale.
La Cattedrale di Pola è invece importante in quanto fu la prima chiesa cristiana costruita nel IV secolo, anche se poi ristrutturata e modificata più volte.

Altri edifici di importanza rilevante sono il Museo Archeologico Istriano,  il piccolo Teatro Romano, la Posta Principale dell’architetto Angiolo Mazzoni e l’ex Casinò Marina.
Il Foro Romano, inoltre, era il luogo principale della vita della città ai tempi dei Romani.

Nei dintorni di Pola

Per chi si trova a Pola, un’ottima idea è anche quella di spingersi oltre, per non perdere l’occasione di visitare molti altri luoghi affascinanti poco lontano dalla città.
Essa sorge infatti vicino al Parco Nazionale delle Isole Brioni, alla meravigliosa Rovigno – distante solo 20km – a Medulin e alle terme di Santo Stefano.  
Da considerare, per gli amanti della natura, anche il Parco Naturale di Kamenjak, un’oasi incontaminata percorsa da moltissimi sentieri, da percorrere a piedi o in bicicletta, alla scoperta delle sue mille calette pietrose.

Stampa