Stampa

Consigli e idee originali per un viaggio breve durante il week end di Ognissanti. Durante il ponte dei morti vi suggeriamo cinque mete insolite ed esotiche, per una breve vacanza che arricchisce nel profondo!

Più che un viaggio vero e proprio si tratta di un week end lungo in cui potete staccare la testa dal solito tram tram della vita quotidiana, spostandovi anche verso una meta esotica, una città pittoresca da visitare in pochi ma indimenticabili giorni. Un fine settimana di vacanza per cui non è necessario alcun visto o alcun permesso, ma solo la voglia di divertirsi, mettersi in gioco e conoscere luoghi nuovi. Quale occasione migliore del ponte dei morti (o di Ognissanti che dir si voglia)? La redazione di VeraClasse ha selezionato per voi le 5 mete più insolite, le 5 città più particolari da visitare in pochi giorni proprio durante le feste tra ottobre e novembre!

Tunisi, cosa visitare:
L’antica Cartagine, capitale della Tunisia, si presenta come una località favolosa da girare in pochi giorni. Tra le cose da visitare troviamo la Moschea Zitouna, edificio di culto religioso risalente all’VIII secolo d.C. Anche i musei sono decisamente interessanti, specialmente per quanto riguarda il Museo Archeologico di Cartagine e il Museo del Bardo. Il primo è un sito archeologico diventato poi esposizione, si trova sulla collina di Byrsa e conserva importanti collezioni di arte Punica e Romana; il secondo è una struttura articolata in diversi edifici che si trovano in periferia di Tunisi, rappresenta il più antico museo archeologico dell’Africa, aperto all’interno della lussuosa dimora di Alì Bey III. Non sono solo chiese e musei le vere attrattive della città, ma sono affascinanti anche le vie e i quartieri: la Medina, parte vecchia della città e patrimonio dell’Unesco fin dagli anni ‘70, colpisce per il pittoresco suk, le cupole bianche e gli alti minareti; il quartiere antico, invece, ci fa vivere il vero spirito della Tunisia, fatto di uomini con vestiti lunghi e donne con lunghi veli.

Cosa vedere a Marrakech: 
Capitale del Marocco, Marrakech presenta tutte le tipiche caratteristiche di una città araba: fascino, colore e un’atmosfera da sogno degna delle fiabe di Sherazad. In pochi giorni è possibile conoscere questa città, partendo dalla visita degli edifici religiosi: si visita l’imponente moschea Koutoubia (o Kutubyia), la Medrasa Ben Youssef, la scuola coranica risalente al XIV secolo e la bellissima moschea di Ben Salah.
Si passa poi a fare un tour di palazzi antichi e musei. Iniziando dal palazzo El Badi, di cui ci restano solo le rovine a testimonianza della magnificenza della struttura originale, si passa poi a due incredibili musei: in primo luogo il museo Dar Si Sad, interamente dedicato all’artigianato marocchino, in secondo luogo al museo di Marrakech, che custodisce numerosi reperti archeologici, documenti storici e calligrafie arabo-islamiche.
Non va tralasciata, infine, una passeggiata per la piazza Djemaa El Fna, nel cuore della medina marocchina, e alla Mellah di Marrakech, il quartiere ebraico circondato da mura.

Lisbona, cosa conoscere: 
La meravigliosa capitale del Portogallo è Lisbona, una città ricca di spunti interessanti, vitale e solare che vi farà innamorare. In primo luogo è necessario visitare il castello di San Giorgio, punto dominante della città. In secondo luogo si passa a ciò che viene dedicato a Vasco Da Gama e alla sua scoperta: Torre di Bèlem, Monastero di San Geronimo e ponte Vasco Da Gama.
Sotto il punto di vista religioso, gli edifici più suggestivi da vedere sono l’Igreja Do Carmo, che originariamente faceva parte di un convento medievale, la cattedrale, uno dei simboli della riconquista cristiana del territorio, e la statua del Cristo Rey, monumento che supera i cento metri e rievoca il Cristo Redentor in Brasile.
Rivelano la vera identità di Lisbona il Museo Nazionale di Azulejo, che ospita meravigliose mattonelle dipinte, e la Galleria Stuart, che raccoglie dipinti di luoghi e costumi particolari della città.
I quartieri più pittoreschi sono quello dell’Alfama, il quartiere più antico e caratteristico di Lisbona, un vero labirinto di vicoli e stradine medievali, e la Praça do Comercio che è circondata su tre lati da palazzi con un ampio porticato.

Come scoprire El Cairo: 
La capitale d’Egitto rappresenta un valido compromesso tra una meta esotica ma non lontana da raggiungere, ecco perchè è una città ideale da visitare durante il ponte di Ognissanti.
Gli edifici religiosi da visitare sono La Moschea di Mohamed Alì, con delle splendide pareti ricoperte d’alabastro, le Chiese Copte, la Moschea di Ibn Tulun de Il Cairo, costruita completamente con mattoni d’argilla, e la Moschea di Hassan, un classico esempio di arte mamelucca antica. Imperdibile è anche il Museo di Ceramica Islamica, con una meravigliosa collezione di ceramica con pezzi provenienti dall’Egitto e altri luoghi come Iran, Turchia e Spagna.
Fondamentale è la visita alla Cittadella del Saladino, una fortificazione che sorge su un bastione calcareo, e al quartiere di Gezira, una piccola isola nel mezzo del Nilo.
Fuori dalla città è da visitare la necropoli di Giza, situata nella piana di Giza, un complesso di antichi monumenti dista 8 km circa dall’antica città di Giza, sul Nilo, al suo interno si trova la Piramide di Cheope (o Grande Piramide), l’unica tra le sette meraviglie del mondo giunta sino ai giorni nostri

Dubrovnick, come innamorarsi:
Non si tratta della capitale della Croazia, che è invece Zagabria, ma l’antica Ragusa è una delle più belle città della Dalmazia, soprannominata oggi “la perla dell’Adriatico”.
Tra i monumenti da vedere è sicuramente interessante la Colonna di Orlando, una raffigurazione in pietra del leggendario Rolando, protagonista della Chanson de Roland. Meravigliosa è anche la Cattedrale di Dubrovnik, intitolata all’Assunzione della Vergine, che sorge in un luogo di culto romanico distrutto dal terremoto del 1667.
La meravigliosa Grande Fontana d’Onofrio si trova al centro della piccola piazza Poljana Paska Milicevica, dopo l’ingresso da Porta Pile, ed è una delle attrazioni turistiche da non perdere.
Per quanto riguarda i musei, si consiglia la visita alla galleria fotografica War photo limited, che espone solitamente 3 mostre fotografiche sul tema della guerra, e al museo navale, che annovera più di 4000 oggetti che provano la ricca storia navale di Dubrovnik.
Irrinunciabile è, infine, la passeggiata sullo Stradun, l’asse viario lungo oltre 300 metri, che collega la Città vecchia da est ad ovest.

Stampa