Visitare il Castello ed il borgo di Vigoleno, un week end in Emilia Romagna

Stampa

Conosciamo uno dei borghi più belli d’Italia, in Emilia Romagna, con un itinerario che ci porta alla scoperta del suo castello. Musei, panorami ma anche la possibilità di viverci dentro. Ecco come

Vi siete mai chiesti cosa si prova a dormire dentro un vero castello? Un castello come quello delle fiabe che sognavate da piccoli … proprio quello! Ebbene, non è sogno, ma realtà. Vicino Piacenza esiste un luogo in cui potrete fare questa esperienza meravigliosa: il borgo di Vigoleno e il suo castello. Per secoli, questo feudo ha raccolto un gran numero di abitanti intorno alla fortezza che lo proteggeva dagli attacchi nemici.

Ad inizio XIX secolo, la cittadina si chiamava Vigoleno ed era un comune indipendente. Soltanto nel 1851 l’allora duca Carlo III di Parma decise di spostare il centro amministrativo nel villaggio di Vernasca che di fatti oggi è il comune principale. Vigoleno è rimasto frazione da allora, oggi conta una decina di abitanti stabili, ma continua ad attirare intorno a sé grandi folle, soprattutto per motivi turistici.

Vigoleno, il Borgo più Bello

Rientrato di diritto tra i Borghi più Belli d’Italia, Vigoleno oggi è un centro storico che sembra quasi fondersi con il castello intorno a cui si raccoglie. Dall’alto della collina domina due valli, quella dell’Ongina e di Stirone, con panorami mozzafiato. La piazzetta centrale, abbellita da una fontana in stile classico, è chiusa da un lato dalle case del borgo e dalla chiesa e dall’altro dalle mura del castello.

Il maniero è certamente il monumento principale ma non l’unico da ammirare in paese. È altrettanto bello il piccolo itinerario della piazzetta che vi porta a scoprire: la chiesina della Pieve San Giorgio, facciata romanica (XII secolo) dal grande portale scolpito,  restaurata e arricchita soprattutto all’interno nel corso dei secoli; il vicino portale dell’Oratorio di Santa Maria che risale al Settecento ed è impreziosito da archi e bassorilievi.

Il Castello di Vigoleno

Già avamposto difensivo per proteggere la strada che da Parma conduceva a Piacenza, nel X secolo, venne ampliato e gestito da numerose famiglie nobili. Fu feudo degli Scotti, dei Pallavicino, dei Farnese e dei Piccinino. Distrutto e ricostruito più volte, fu restaurato definitivamente nel 1922 su interessamento della famiglia Ruspoli Gramont. Ha ospitato personaggi come Gabriele D’Annunzio, Jean Cocteau e Michelle Pfeiffer.

Il castello e buona parte del borgo sono circondati dalle mura merlate che si possono percorrere grazie al camminamento di ronda ancora attivo. L’interno oggi ospita saloni utilizzati spesso per conferenze e mostre culturali, un museo che raccoglie armature, fotografie, pitture e documenti storici, e poi gli stessi arredi e gli affreschi delle camere padronali che sono anche esse percorso museale. Buona parte di questi ambienti sono raccolti nei quattro piani della Torre del Mastio, dalla cui terrazza si ammira il panorama più bello.

Ma il castello di Vigoleno non è solo da visitare, è anche da vivere! Fa parte del circuito dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, e dà la possibilità ai turisti che prenotano per tempo di alloggiare dentro i propri ambienti  – nel castello e nelle torrette – con cena inclusa presso il ristorante interno, il San Giorgio . I prestigiosi premi e riconoscimenti, anche dal Touring Club, garantiscono una sistemazione e una vacanza da sogno.

Tradizioni e artisti di strada

Se volete visitare Vigoleno e il suo castello fatelo possibilmente in aprile. L’ultimo giorno di questo mese, infatti, si svolge nel borgo l’antica tradizione dei Cantamaggio. Un gruppo di cantori gira per il paese, bussando di casa in casa, dedicando alla popolazione l’augurio cantato di una bella stagione estiva e ricevendo in cambio doni, specialmente di tipo gastronomico.

Vigoleno è uno dei pochi paesi al mondo ad aver dedicato un museo agli “Orsanti”, ovvero gli ammaestratori e domatori di animali feroci che da questa zona partirono alla conquista del mondo con i loro spettacoli circensi e da saltimbanchi. In tempi in cui gli animali del circo non erano simbolo di maltrattamento e sfruttamento ma il solo modo per dare sostegno a famiglie in fuga dalla povertà, queste persone furono a loro modo eroiche e il castello le celebra volentieri con un centro espositivo e didattico particolare.

Informazioni utili

Per arrivare a Vigoleno: in macchina, se arrivate dall’autostrada A1 l’uscita è Fiorenzuola d’Arda per poi proseguire sulla Provinciale 462R, sulla Statale 9 e ancora la Provinciale 4 per Vernasca. Se arrivate da Piacenza, seguite la Statale 9 e poi da Cadeo la Provinciale 4.

L’aeroporto più vicino è Parma, a 40 km.
Il centro storico e il borgo di Vigoleno sono interdetti alle auto. Unico modo di accedere è a piedi.

Per informazioni ulteriori e prenotazioni: www.castellodivigoleno.com o www.comune.vernasca.pc.it/vigoleno

Stampa