fbpx
Stampa

Ecco una ricetta ad hoc per cucinare il pollo con peperoni, il piatto tipico di Roma per festeggiare questa giornata

Anche se non sembra una ricetta light, il pollo con peperoni è il piatto romano per eccellenza per il 15 agosto. Ecco la nostra ricetta.

Ingredienti per 3 persone:

  • 3 peperoni grandi
  • 1 kg di peperoni in tranci
  • un ciuffo di prezzemolo
  • uno scalogno
  • uno spicchio d’aglio
  • 3 cucchiai d’olio d’oliva
  • sale
  • pepe
  • una foglia d’alloro
  • salvia essiccata
  • timo essiccato
  • rosmarino
  • pepe nero
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • un bicchiere di passata di pomodoro

Come si cucina

Tagliamo il pollo in pezzi e spelliamolo. Tritiamo lo scalogno sbucciato, l’aglio sbucciato e il prezzemolo lavato. In una larga padella, scaldiamo l’olio con il trito aromatico, l’alloro, il timo, il rosmarino e la salvia. Adagiamo i pezzi di pollo ben distanziati e facciamoli rosolare da tutti i lati per almeno 30-40 minuti, sfumando con il vino bianco.
Nel frattempo laviamo ed affettiamo in falde grandi i peperoni, sbucciamo le patate e tagliamole a spicchi grossolani. Appena è sfumato il vino, aggiungiamo la salsa di pomodoro, sistemiamo di sale ed adagiamo i peperoni con le patate. Copriamo col coperchio e facciamo cuocere a fuoco medio per altri 40-50 minuti, girando di tanto in tanto. Gli ultimi 10 minuti, apriamo il coperchio e facciamo evaporare un po’di sughetto. Servire caldo oppure a temperatura ambiente.

Buon ferragosto!

L’origine del termine. “Ferragosto” proviene dalla locuzione latina feriae Augusti (riposo di Augusto) indicante una festività istituita dall’imperatore Augusto nell’8 a.C. che si aggiungeva alle esistenti e antichissime festività cadenti nello stesso mese, come i Vinalia rustica o i Consualia, per celebrare i raccolti e la fine dei principali lavori agricoli. L’antico Ferragosto, oltre agli evidenti fini di auto-promozione politica, aveva lo scopo di collegare le principali festività agostane per fornire un adeguato periodo di riposo, anche detto Augustali, necessario dopo le grandi fatiche profuse durante le settimane precedenti.

Stampa