fbpx

Fondue Svizzera: la ricetta tradizionale

Stampa

La fondue è un tradizionale piatto svizzero, un’idea originale da sfruttare per le serate in compagnia, soprattutto se siete amanti dei formaggi!

In Svizzera ogni cantone vanta una propria variante di fondue: nella Svizzera interna si usano lo Sbrinz DOP e il Tilsiter, nella Svizzera orientale si sostituisce il vino bianco con il sidro, e il Kirsch con un distillato di frutta; nel Canton Vallese si prepara la variante della fondue al pomodoro, poi a seconda dei gusti e delle specialità in alcune zone aggiungono funghi, erbe, o spezie particolari come curry o paprika.

Insomma, via con la creatività e la fantasia, per creare una fondue su misura per voi e i vostri amici!

Ingredienti per 4 persone

400 g di formaggio gruviera
400 g di formaggio Vacherin Fribourgeois (in alternativa Emmentaler)
2 bicchieri di vino bianco secco
1 bicchierino di liquore Kirsch
3 ml di amido di mais
pepe
1 spicchio d’aglio
600 g di pane

Procedimento

Il caquelon è la tradizionale pentola in ghisa, terracotta o porcellana, usata in Svizzera proprio per la preparazione della famosa fondue di formaggio.
Se non ne avete una a disposizione, munitevi di una pentola simile, di cui andrete a strofinare il fondo con l’aglio; versatevi poi i due bicchieri di vino bianco e scaldatelo a fuoco moderato.

Abbassando la fiamma, aggiungete il formaggio tagliato precedentemente a fette piccolissime, facendo in modo che il composto non arrivi a bollire.
Dopo aver sciolto l’amido di mais nel Kirsch, versatelo lentamente nella pentola e aggiungetevi a piacere un pizzico di pepe, paprica e noce moscata.

Quando gli ingredienti saranno ben amalgamati e risulterà una consistenza morbida e cremosa, spostate il caquelon sull’apposito fornelletto da tavola e intingetevi il pane precedentemente tagliato a cubetti e tostato (al posto del pane o insieme ad esso possono esser utilizzati dei pezzetti di mela!).

La fondue svizzera può essere accompagnata con crudités e, come bevanda, del caldo (rigorosamente non zuccherato e senza limone), oppure un buon bicchiere di vino bianco.

Buon appetito!

Stampa