fbpx

Le cascate di Iguazù, al confine tra Argentina e Brasile

Stampa

Al confine tra Argentina, Brasile e Paraguay sorge una delle 7 meraviglie del mondo naturale, l’enorme complesso di cascate di Iguazù, patrimonio dell’umanità protetto dall’UNESCO.

Sopra il letto del fiume Iguazù nascono 275 cascate che raggiungono quasi i 100 metri di altezza per uno spettacolo impareggiabile: nella lingua degli aborigeni Guaranì, il nome di queste cascate significa “acqua grande”, e il fragore che la forza di quest’acqua produce è una colonna sonora unica.

Non c’è un momento migliore di un altro per ammirare lo spettacolo delle cascate Iguazù, sono suggestive comunque in ogni stagione: condor, aquile, farfalle dai mille colori e una foresta che si perde all’orizzonte.

Queste cascate, infatti, sono condivise dall’Argentina e dal Brasile, all’interno dei due parchi nazionali, quello dell’Iguazù nel lato argentino e quello dell’Iguaçu nel lato brasiliano: i fiumi Paranà e Iguazù, che creano il confine naturale tra i due Paesi e il Paraguay, attraversano questa regione immersa nella foresta subtropicale e conosciuta appunto come Triplice Frontiera.

Dal Parco Nazionale di Iguaçu, Brasile

Il Parco Nazionale di Iguaçu è patrimonio UNESCO e tra i due parchi è quello più panoramico: la vista sul Parco Nazionale Argentino è certamente la parte più bella di questo parco!
L’area visitabile non è molto grande e in mezza giornata si riesce a percorrere tutta, anche se poi è possibile optare per altre attività emozionanti come climbing, rafting o sorvolare le cascate in elicottero.

Proprio di fronte al Parco delle Cascate c’è il bellissimo Parco degli Uccelli (Parque de Aves), in cui si possono ammirare da vicino tucani, anaconde, colibrì, farfalle dai mille colori e pappagalli di ogni sorte.

Dal Parco Nazionale di Iguazù, Argentina

Anche il Parco Nazionale di Iguazù appartiene al patrimonio UNESCO ed è quello che comprende la maggior parte delle cascate dell’Iguazù: è molto grande e per visitarlo tutto occorre sicuramente un’intera giornata.

Esistono 3 principali circuiti per attraversare il parco:

  • il circuito inferiore che permette di godersi lo spettacolo delle cascate dal basso, nel momento dell’impatto tra l’acqua dall’alto ed il fiume;
  • il circuito superiore da cui si gode della vista dall’alto dei salti più spettacolari dell’acqua delle cascate dell’Iguazù;
  • il Paseo Garganta del Diablo, la Gola del Diavolo, l’itinerario più suggestivo di tutto il Parco, con cui di giunge ad una piattaforma sopra le cascate per poter ammirare i bellissimi arcobaleni che si formano sull’acqua: si tratta di un’insenatura ad U nel mezzo del fiume Iguazù a cui si accede a bordo di un trenino ecologico interno al Parco.

Il tour delle cascate può essere fatto in vari modi, a piedi seguendo uno di questi circuiti, ma anche in jeep o in barca; è possibile inoltre vivere la bellezza di questo posto magico durante le notti di luna piena e con il cielo limpido.
La passeggiata notturna è davvero un’esperienza indimenticabile, nel silenzio della foresta rotto soltanto dai suoni della natura: dai rumori degli animali e dell’acqua incessante.

Stampa